adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bif&st 2016: Omaggio a Marcello Mastroianni

mercoledì 6 Aprile, 2016 | di Francesco Grieco
Bif&st 2016: Omaggio a Marcello Mastroianni
Festival
0
Facebooktwittermail

7° Bif&st – Bari International Film Festival, 2 – 9 aprile 2016, Bari

Il dono di Marcello
Tra i tantissimi film a cui ha partecipato Marcello Mastroianni nella sua lunga, eccezionale carriera – 147, se le statistiche dicono il vero −, il Bif&st 2016 ne ha programmato una selezione, sufficientemente eterogenea e quindi utile a comprendere la versatilità di questo straordinario attore, che è stato diretto dai principali registi del cinema italiano. A tutti ha offerto il suo volto unico, di grande e sobria bellezza, di uomo comune però, e la sua dote più ammirevole, l’incantevole, felina naturalezza con cui, nelle interpretazioni, ha dato voce e volto ai personaggi più disparati, ma sempre rimanendo “Marcello”.

Tra i film che Mastroianni ha girato nel 1954, spiccano due commedie, proiettate al Bif&st 2016, in verità parecchio differenti tra loro, ma entrambe fondate sul conflitto, soprattutto verbale, tra i sessi: Peccato che sia una canaglia, del veterano Alessandro Blasetti, e la favola agreste Giorni d’amore, diretta da Giuseppe De Santis, in cui Mastroianni è un campagnolo che deve fingere un matrimonio riparatore per poter risparmiare sulle spese dei mediacritica_bifst2016_omaggio_marcello_mastroianni_290festeggiamenti. Il film di Blasetti ha, invece, ambientazione urbana e si svolge nella Roma dell’epoca. Il ruolo di Mastroianni è quello di un ingenuo tassinaro, sedotto da una bellissima e furba ladra, un’ottima Sophia Loren appena ventenne, alla prima vera parte da protagonista. La chimica tra i due è già evidente: in seguito, con la Loren, Mastroianni farà coppia in molti film, citiamo almeno il crepuscolare Una giornata particolare di Ettore Scola e il fortunato Ieri, oggi, domani di Vittorio De Sica (che in Peccato che sia una canaglia è Stroppiani, il padre della ladra). Uomo che amava le donne, ma senza l’aggressività del dongiovanni, Mastroianni nei film è spesso disarmato dalla prorompenza della bellezza femminile: si pensi a La dolce vita, per esempio. Vale anche per il film di Blasetti, ma è così pure in Giorni d’amore. Nella scena più memorabile del film di De Santis – regista forse non abbastanza celebrato, nella sua capacità “pop” di mescolare abilmente i generi e le influenze −, Marina Vlady seduce il suo promesso sposo, un risoluto ma qui stupefatto Mastroianni, sulla spiaggia: nei primi piani di Marcello, tutta la sua mimica strepitosa, fatta di movimenti quasi impercettibili dei muscoli del viso e sguardi intensi ed eloquenti. Aveva lo sguardo buono, Marcello. Dunque, nel rivedere nella retrospettiva del Bif&st lo splendido Adua e le compagne di Antonio Pietrangeli, si rimane sorpresi nel verificare l’efficacia di Mastroianni anche in ruoli negativi, da “faina”, come quello dell’inaffidabile e ambiguo venditore di automobili, loquace e arrogante. Ugualmente impressionante è la sua autorevolezza nei ruoli da intellettuale, come il Sinigaglia de I compagni di Monicelli o il professor Ludovico Bruschi di Verso sera (inizialmente pensato per il diversissimo Gassman), il film di Francesca Archibugi che la regista ha commentato, alla fine della proiezione al Petruzzelli, in questa edizione del Bif&st. Archibugi ha ricordato la generosità di Mastroianni, che preferiva affidarsi completamente al regista sul set, seguirne le indicazioni minuziosamente: non si trattava affatto di insicurezza o mancanza di autonomia, ma di un metodo personale, un (abban)donarsi alla mdp, nella consapevolezza che regalare il proprio talento è sempre un gesto di nobiltà, non è mai uno spreco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly