adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Alice attraverso lo specchio

sabato 28 Maggio, 2016 | di Filippo Zoratti
Alice attraverso lo specchio
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

La pochezza della Moltezza
Come Re Mida, tutto ciò che tocca la Disney diventa oro. Il tintinnio sonante dei megaincassi non è però per forza sinonimo di qualità, ovviamente. Nonostante in molte sale le proiezioni vengano introdotte dai “Disney Pre-Show” (che danno la misura della potenza raggiunta dalla multinazionale americana), la strategia di invasione dell’immaginario collettivo in atto spesso non viene percepita dal pubblico.

È un’ondata inarrestabile, incontrovertibile: la Disney è Tini/Violetta, è la Pixar, è la rinascita di Indiana Jones, è il Marvel Universe… ed è Star Wars, esempio lampante dello sfruttamento intensivo e della logica votata al franchise della casa di Burbank. Se da un lato la riesumazione della saga ha del miracoloso (e solo la Disney avrebbe potuto permettersi un investimento del genere), mediacritica_alice_attraverso_lo_specchio_290dall’altro il progetto di espansione inizia già a far storcere il naso, dinnanzi ad esempio allo spin-off Rogue One, che risponderà al quesito – mai richiesto – di come Leia sia venuta in possesso dei piani della Morte Nera. Ciò che forse più spaventa della programmaticità Disney è la sua incapacità di porsi un freno, che si tratti di lasciare il tempo ad un classico di diventare tale o di snaturare un testo di riferimento, un originale che sistematicamente viene ridisegnato in virtù di una facile commercializzazione. Prendiamo Alice in Wonderland, probabilmente il punto più basso delle carriere di Tim Burton e di Johnny Depp: del romanzo di Carroll (trasposizione animata compresa) non v’è traccia. Neanche la più lontana: la bimba curiosa della fiaba diventa un’eroina fantasy, il Cappellaio Matto assume un ruolo centrale ingiustificato (oltre che le sembianze di un 50enne col cerone costretto a sorridere, sfigurato dalla CGI), il respiro lisergico crolla sotto il peso dell’estetica da teen movie. Ma un film deve altresì poter stare in piedi da solo, indipendentemente dal medium da cui è tratto. Se solo lo facesse… Alice attraverso lo specchio si poggia su una trama esile esile, del tutto pretestuosa: il Cappellaio ha perso la sua Moltezza (e quindi deo gratias ci risparmia lo scempio della deliranza), e Alice viaggia nel tempo per salvare lui e la sua famiglia, vittime di un temibile villain. La messinscena del regista James Bobin – che prende lo scomodissimo testimone da Burton – vive di suggestioni riciclate: Pirati dei Caraibi, Hugo Cabret, persino Transformers e le opere del pittore Arcimboldo. Un frullatone che ammazza la fantasia, che premastica ogni “visione” e ogni volo pindarico, guidandoci alla moralina dell’importanza del tempo e del recupero dei valori familiari. Tutto qua? Tutto qua, davvero. Ma il revisionismo disneyano non è che agli esordi: nei prossimi anni ci attendono i live action di La bella e la bestia (con Emma Watson), La sirenetta (con Chloë Moretz), La spada nella roccia e Crudelia De Mon (con Emma Stone). Il peggio deve ancora venire.

Alice attraverso lo specchio [Alice Through the Looking Glass, USA 2016] REGIA James Bobin.
CAST Mia Wasikowska, Johnny Depp, Anne Hathaway, Helena Bonham Carter, Sacha Baron Cohen.
SCENEGGIATURA Linda Woolverton (tratta dal romanzo Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carroll). FOTOGRAFIA Stuart Dryburgh. MUSICHE Danny Elfman.
Fantastico/Avventura, durata 113 minuti.

2 Comments

  1. Bobbo says:

    Ma davvero la Disney deve fare tutti quei live action tratti da loro cartoni animati? Aiuto :-O
    Qualcuno li fermi…

  2. Frances says:

    Aiuto sul serio… Era meglio quanto c’era quel nazista geniale di Walt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly