adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Retrospettiva Mario Soldati

mercoledì 6 Luglio, 2016 | di Francesco Grieco
Retrospettiva Mario Soldati
Cinema Ritrovato
0
Facebooktwittermail

Il Cinema Ritrovato – XXX edizione, 25 giugno – 2 luglio 2016, Bologna

Un cinema del controllo, dell’immersione e della dispersione
La retrospettiva dedicata a Mario Soldati, nel ricco programma del Cinema Ritrovato 2016, è stata l’occasione per riscoprire la filmografia di un regista di grande versatilità. Scrittore, giornalista, accademico, militante del Partito Socialista, uomo di teatro e di televisione, Soldati manifesta le stesse multiformi capacità anche nei percorsi imprevedibili della sua filmografia.

Un corpus di film che sembra seguire binari paralleli, alternativi rispetto alle mode, al cinema più “à la page”: si veda, per esempio, il rifiuto di salire sul carro dei vincitori, nel periodo in cui il Neorealismo è celebrato in tutto il mondo. I nove film proiettati durante il festival bolognese possono solo dare un’idea dell’eterogeneità della sua produzione. Comprendono anche due cortometraggi, il neorealistico Chi è Dio? (1945), scritto anche da Zavattini, con attori presi dalla strada, e Il ventaglino (1953), mediacritica_mario_soldati_290tratto da Pirandello e inserito nel film a episodi Questa è la vita. Soldati considerava il suo vero esordio Dora Nelson (1939), brillante commedia sul cinema, con i dialoghi scritti da Luigi Zampa, in cui da un lato Soldati dimostra il suo amore per il cinema classico americano, dall’altro rivela tutta l’influenza di Mario Camerini, di cui è stato collaboratore. La splendida Assia Noris, attrice cameriniana per eccellenza, vi interpreta i due ruoli antitetici di una diva del grande schermo e della sua sosia di umili origini.
Invece, il celebre Piccolo mondo antico (1941) rappresenta perfettamente il filone calligrafico e formalista di Soldati, insieme alla cupa storia di ombre e fantasmi Malombra (1942), anch’essa tratta da Fogazzaro, con una febbrile, “duplice” Isa Miranda. Nel primo già si colgono aspetti ricorrenti fondamentali nel cinema di Soldati: l’amore per i soggetti tratti dalla letteratura, l’attenzione ai personaggi secondari (che talvolta irrompono con grande carisma e rubano la scena: il padre Tosi di Corrado Racca in Malombra, il fastidioso Camilluccio Barbarotti di Alberto Sordi in Le miserie del signor Travet, del 1945, a cui la grande commedia all’italiana dei decenni successivi, Fantozzi in primis, deve molto), l’approfondimento della psicologia delle eroine (spesso dal carattere forte e difficilie, quando non sofferenti di disturbi mentali), il tema delle differenze di classe, il gusto per le parlate dialettali, la cura dettagliata di costumi, scenografie naturali e no.
In un cinema molto attento ai valori estetici e iconografici delle immagini, ma che fa del dialogo il vettore narrativo più utilizzato, ermerge anche una grande capacità di creare la tensione: il tempo reale e l’eliminazione della musica nella scena della morte di Pierina in Fuga in Francia (1948), il punto di vista impotente del bimbo nell’ultra-british e labirintico La mano dello straniero (1954). Un grande controllo registico, che sa anche lasciare spazio all’emozione. Come nell’inquadratura finale di quello che è forse il capolavoro di Soldati, La provinciale (1953): stringersi insieme e abbracciare con lo sguardo i propri luoghi. Perdersi nel paesaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly