adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Stories We Dance 2016: quattro film

mercoledì 6 Luglio, 2016 | di Erasmo De Meo
Stories We Dance 2016: quattro film
Festival
0
Facebooktwittermail

Stories We Dance – International Videodance Contest, 29 – 30 Giugno 2016, Genova

Danzare sui confini
Dallo scorso articolo dedicato a Stories We Dance ho lasciato volutamente fuori quattro opere – a mio parere le migliori tra quelle proiettate – accomunate da uno stesso orizzonte rappresentativo: il limite.

Si tratta di Disruptions di Felipe Frozza and Ulrike Flämig, How Are You Today di Chiu Chih-Hua, Vecinas di Natalia Sardi e Tango Brasileiro di Gabriela Alcofra e Billy Cowie, tutte del 2015, tranne quest’ultima del 2014. La danza stessa, nel suo farsi, nel suo nascere, è superamento del limite: un corpo immobile diventa vivo, il silenzio diventa dialogo emotivo, salta il vincolo tra funzionalità e azione. How Are You Today è esemplare, ha il dono della brevità e della concisione, è comunicazione senza filtro. mediacritica_stories_we_dance_erasmo_290Due giovani salgono sul tetto di uno dei palazzi di Hong Kong come per prendere un po’ d’aria e distrarsi prima di tornare alle occupazioni quotidiane. Ma è qui, in questo momento senza funzione, lontani dal mondo dell’efficienza, che i due ragazzi possono liberarsi e passare dall’aridità della pianta senza foglie presa in mano dalla ragazza alla umidità viva del sudore e del respiro accelerato. I parapetti gialli segnano i confini della terrazza, il ragazzo ne salta uno dando visivamente l’illusione di gettarsi nel vuoto, ma è uno scherzo, oltre c’è ancora un piano su cui poggiare: se il limite sembrava oltrepassabile solo con l’annullamento della corporeità, ora si può ridere insieme del limite, e si può vivere con e malgrado esso. È così che la ragazza, lanciandosi in movimenti pieni di magnetismo e purezza si contamina con le pareti entrandovi n contatto, accetta il limite sfruttandolo, diventando tutt’uno con esso, la polvere gialla delle pareti le riempie il corpo: la danza vive nel limite. Ugualmente in Vecinas due donne sono separate da una parete, ma il bianco e nero dimostra come anche due mondi opposti possono incontrarsi nel grigio. Le donne abitano spazi vuoti di oggetti e di accadimenti e i loro movimenti sono tagliati dall’inquadratura quasi a renderli non loro, atti involontari, sfoghi automatici privi di finalità. Questa scissione da sé stessi e dal proprio corpo viene colmata quando oltre la parete si percepisce un suono-vita che porta le due donne in uno stato quasi di trance, guidato dalla assoluta sicurezza della convenzionalità abbattibile del limite. Ma di limitazioni invalicabili ce ne sono eccome, in Disruption una ragazza danza sul muro di confine tra Israele e Palestina, i suoi movimenti sono quelli di un corpo costretto dal corpo come un popolo costretto da confini troppo stretti. I suoni sono quelli di strada, le immagini sovrappongono al gesto artistico la verità della Storia, che, impersonata da un vero soldato, minaccia di sparare la ragazza non appena i suoi gesti superano il muro. L’irruzione della realtà annulla il tempo dell’arte e la camera finisce con l’inquadrare il buio. Ma può avvenire il processo inverso, Tango Brasileiro attraverso l’utilizzo di immagini d’archivio trasforma il tempo della Storia fissato su pellicola in tempo dell’arte, attualizzando un nuovo possibile presente pronunciando la parola now. I fermi immagine, i ralenti, i nuovi gesti sono pensieri, considerazioni, iterazioni di un passato che non passa mai veramente. Il tango è così ritmo ripetuto e malinconico, linguaggio che calpesta i limiti del tempo in una danza universale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly