adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

I sette samurai (1954)

giovedì 8 Settembre, 2016 | di Eleonora Degrassi
I sette samurai (1954)
Festival di Venezia
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 31 agosto – 10 settembre 2016, Lido di Venezia

VENEZIA CLASSICI
“Noi samurai siamo come il vento”
John Woo ha detto che “Akira Kurosawa è un gigante. Ma nonostante sia grande come una montagna, il suo cuore resta umano […]”: lo capiamo, una volta in più se fosse necessario, guardando I sette samurai (Leone d’Argento a Venezia nel 1954). C’è tutto lo “spirito cavalleresco”, la nobiltà e la generosità dell’uomo d’onore, il samurai appunto, ma ci sono anche fragilità, ipocrisie, le paure di un’umanità intera.

Il film è un’opera monumentale, dalla gestazione lunga e difficile (un’edizione di 207 minuti, una di 130, una di 192, quella classica di 160) che inserisce Kurosawa, già regista di fama internazionale (nel ’51 Rashomon gli vale Leone d’Oro a Venezia e Oscar come Miglior Film Straniero), nell’Olimpo. mediacritica_i_sette_samurai_1954_290Giappone del XVI secolo, l’Era Sengoku. Un villaggio da salvare. Samurai, contadini e briganti. Calma e frenesia. Battaglia e quotidianità. I sette samurai alterna e incatena tutto questo, restando una lezione di cinema viva, vivace e commovente. Kurosawa è in grado di accarezzare i suoi personaggi con la delicatezza di chi non fa passi indietro ma vuole scorgere le sfumature impercettibili dell’universo contadino come di quello guerriero e stringere in un caldo abbraccio ogni essere vivente, anche il più umile e dimenticato. Il quotidiano acquista significato tanto quanto l’epica dei gesti e delle situazioni; l’intero film ha ritmo lento ma inesorabile come l’acqua che leviga il letto del fiume, ha una vitalità narrativa senza eguali che lo rende simile ai romanzi ottocenteschi. Il regista verga il suo lavoro sulla scia delle opere di Ford, come anche sulla lezione di Ejzenštejn, diventando archetipo per il cinema dopo di lui (I magnifici sette di Sturges, l’omaggio di Quella sporca dozzina), soprattutto per il western. A essere simbolo di modus narrandi sono le battaglie; si pensi ad esempio allo scontro sotto la pioggia che diventa espressione di una guerra senza esclusione di colpi in cui ci si dà totalmente, anche a rischio della vita. I sette samurai del cineasta, tra cui giganteggia quello interpretato da Toshirō Mifune, sono diversi gli uni dagli altri e rappresentazione di varietà umane che declinano il senso dell’onore. In un’opera di costruzione e di decostruzione Kurosawa toglie l’aura di perfezione quasi mitica del samurai per renderlo molto più umano: i combattimenti non sono passi di danza delicati, neppure coreografie in musica, ma disarmonie tanto quanto i suoi guerrieri, spesso goffi e poco spettacolari. La stessa cosa tocca ai contadini che non sono solo o solamente poveri cristi, schiacciati da tutto, ma anche cinici, cattivi, impensieriti da cose che non dovrebbero impensierire. Ancora oggi I sette samurai resta un film patrimonio a cui guardare non solo come saggio di cinema ma anche come disamina del sentimento che scuote e commuove.

I sette samurai [Shichinin no Samurai, Giappone 1954] REGIA Akira Kurosawa.
CAST Takashi Shimura, Toshirō Mifune, Yoshio Inaba, Seiji Miyaguchi, Isao Kimura.
SCENEGGIATURA Akira Kurosawa, Shinobu Hashimoto, Hideo Oguni. FOTOGRAFIA Asakazu Nakai. MUSICHE Fumio Hayasaka.
Drammatico, durata 207 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly