adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

A Lullaby to the Sorrowful Mystery

sabato 26 Novembre, 2016 | di Francesco Grieco
A Lullaby to the Sorrowful Mystery
Speciale TFF34
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

34° Torino Film Festival, 18 – 26 novembre 2016, Torino

SPECIALE TFF34
“Dove il ricordo di vecchi peccati può essere distrutto dalla follia di quelli nuovi”
Ispirato al diario di Gregoria de Jesús e alla sua ricerca del corpo del marito Andrés Bonifacio, rivoluzionario filippino fondatore del KatipunanA Lullaby to the Sorrowful Mystery è il film-omaggio a José Rizal che Lav Diaz ha presentato all’ultimo Festival di Berlino, dopo aver provato per anni a realizzarlo, è un viaggio doloroso nell’anima perduta di una nazione che ha dimenticato la sua storia. E che si ritrova, oggi, nel terzo millennio, ancora una volta governata da un regime illiberale come quello di Duterte.

Ambientato nel periodo della rivoluzione contro gli spagnoli, iniziata nel 1896 dopo 300 anni di assoggettamento, A Lullaby to the Sorrowful Mystery è un film corale che, mescolando realismo e visionarietà, intreccia le vicende di personaggi eterogenei, alcuni dei quali rimandano mediacritica_a_lullaby_to_the_sorrowful_life_290alle opere di Rizal. È una sorta di poema malinconico per immagini e musiche, di straordinario impatto visivo, com’è sempre per Diaz, tra i veri, riconosciuti maestri, nella composizione dell’inquadratura fissa e non solo, del cinema contemporaneo. È un film pieno di rimandi interni che, nel fornire coesione alla narrazione, in cui tutto si tiene, manifestano, con il succedersi fluviale dei dialoghi, una serie di temi forti, universali. Così le figure esemplari, reali e di fantasia, di cui seguiamo le vicissitudini, esprimono sentimenti e modalità di pensiero appartenenti al popolo filippino nel suo insieme, che si ripetono ciclicamente nei secoli. Su tutti il senso di colpa atavico, per l’incapacità di orientare il proprio destino verso la libertà, che, come sostiene Simoun, nel mondo reale è solo un concetto, un ideale. Nella metafora del film, in cui la confusione tra mito e verità storica viene ostentata e denunciata, le deviazioni dalla diritta via del gruppo composto da Gregoria, la traditrice Caesaria Belarmino, Karyo e Aling Hule, perduti nella selva oscura dove convergono anche le rotte di Isagani e Simoun, si devono all’incontro con gli equivalenti delle fiere dantesche, gli stranianti tikbalang. Ma la volontà di Lav Diaz di ripercorrere dettagliatamente, con questo film e con i precedenti, la via crucis della sua nazione, tra crimini inauditi come quelli della battaglia di Silang e derive autoritarie, è la conseguenza dell’attribuzione di gravi responsabilità ai filippini tutti. “Chi è causa del suo mal pianga se stesso”. J’accuse come questo hanno l’ambizione di illuminare una nazione, con la stessa violenza con cui la luce, quasi divina, taglia i volti dei protagonisti, nel bianco e nero fortemente contrastato di Larry Manda, salvandoli dalla profondità di campo e dall’oblio, attraversando nebbie espressioniste e fumo d’oppio. Il cinema, scrittura della luce, come esorcismo dal “sorrow” e dal revisionismo politico, come liberazione da demoni dostoevskijani, come risveglio antipodico dal disimpegno della postmodernità.

A Lullaby to the Sorrowful Mystery [Hele sa hiwagang hapis, Filippine 2016] REGIA Lav Diaz.
CAST Piolo Pascual, John Lloyd Cruz, Hazel Orencio, Alessandra de Rossi, Bernardo Bernardo.
SCENEGGIATURA Lav Diaz. FOTOGRAFIA Larry Manda. MUSICHE Ely Buendia, Danny Fabella.
Drammatico, durata 485 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly