adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Appunti dalla 39ª edizione delle Giornate del Cinema muto

sabato 24 Ottobre, 2020 | di Edoardo Peretti
Appunti dalla 39ª edizione delle Giornate del Cinema muto
Festival
1
Facebooktwittermail

Inseguimenti
Nella variegata offerta delle Giornate del cinema muto di cui si è da pochi giorni conclusa la 39ª edizione, tenutasi tra Pordenone e l’online – non sono mancati la commedia e il comico, con riscoperte poco note che permettono di aggiungere tasselli alle ricostruzioni storiografiche, o con opere che permettono di allargare lo sguardo su personaggi e stili comici già decisamente noti. 

È il caso quest’ultimo della selezione di corti da “solisti” di Stan Laurel e Oliver Hardy, realizzati tra il 1912 e il 1924, nei quali possiamo intravedere i semi di molte delle caratteristiche principali della coppia comica: così, per esempio, in Moonlight and Noises (1924) Stan dirige Clyde Cook e Noah Young in duetti, incidenti e scontri molto simili a quelli che diventeranno celebri alcuni anni dopo, mentre Oliver in The Rent Collector (1921) diventerà la vittima, spesso involontaria, delle azioni del trasognato e ingenuo protagonista Larry Semon.

Protagonista del piccolo gioiello Toodles, Tom and Trouble (1915) di Lloyd F. Lonnergan (una comica “Falstaff” prodotta dalla Thanhouser) è invece Colin Campbell, perfetto nel dare il volto alla cialtronaggine e alla sbadataggine di un uomo qualunque.

Estraneo all’esplosione parossistica della violenza tipica di Mack Senett, il cortometraggio è una commedia degli equivoci che acquista velocità e vivacità nell’inseguimento che caratterizza buona parte della sua durata. Lonnergan realizza un film non privo di cattiveria in cui, per esempio, è possibile vedere l’apparente morte per esplosione di un neonato e di un cane, sfruttando soprattutto “l’effetto speciale” della stop motion. Riecheggia quindi anche come in quegli anni gli strumenti dell’animazione, che stava iniziando a diventare un genere indipendente, fossero ancora, secondo per esempio la lezione di Segundo de Chomón, alcuni dei trucchi che il cinema utilizzava per stupire e affascinare, in questo caso in una cornice narrativa già, pur nella sua semplicità, evidente e coerente.

Castelli e palazzi cechi (1916) di Karel Hašler, invece, inizia come “travelogue” dedicato alle fortezze della Cecoslovacchia e molto presto si trasforma in una corsa contro il tempo e gli ostacoli sparsi nel cammino di un attore il quale, in visita ad uno dei castelli rappresentati, si ricorda di dover essere in teatro a Praga, rendendosi conto di avere mezz’ora di tempo e 30 km da percorrere per non arrivare in ritardo. Il cortometraggio era proiettato come prologo del vero spettacolo dell’attore protagonista (Karel Hašler), in una maniera non così lontana dall’avanguardia di opere come Entr’acte di René Clair: un’altra testimonianza, in qualche modo, di come il cinema fosse in quegli anni a metà del guado tra la natura di attrazione nata per stupire gli spettatori e una maggiore consapevolezza e indipendenza delle proprie potenzialità.

Una delle riscoperte più interessanti di questa edizione del festival è stata La tempesta in un cranio (1921) di Carlo Campogalliani, anche protagonista. Inizia come commedia di caratteri borghesi, gentilmente ironica e surreale – su tutto, il sorriso mordente sulla psicoanalisi intesa come “nuova moda” – e acquista i connotati del film di fughe e inseguimenti. È una commedia pirandelliana caratterizzata da sogni, maschere e percezioni di sé differenti e mutevoli, notevole nella prima parte, un po’ ripetitiva nella seconda, ma comunque deliziosa.

One Comment

  1. Mauro says:

    Mi auguro che il prossimo anno sia fatto in presenza! E’ un Festival troppo importante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly