adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Appunti dalla 13ª edizione de Le voci dell’inchiesta

sabato 21 Novembre, 2020 | di Andrea Moschioni Fioretti
Appunti dalla 13ª edizione de Le voci dell’inchiesta
Festival
0
Facebooktwittermail

Essere disumani

La 13ª edizione del Festival pordenonese Le voci dell’inchiesta, come tante altre manifestazioni, si è tenuta interamente online, ma questo non gli ha impedito di realizzare un programma ricco ed eterogeneo. Tra le molte sezioni, una delle più importanti e attuali, nonostante la tematica che a prima vista può sembrare poco “originale”, è stata “Quando c’era lui”, una serie di film su Mussolini e le sue “gesta”. Qui ci soffermeremo su due classici del documentario, che diventano monito per ciò che ci circonda oggigiorno: All’armi siam fascisti di Lino Del Fra, Cecilia Mangini e Lino Miccichè, e Pays barbare di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi. Entrambe le pellicole usano materiale d’archivio per dimostrare, senza pregiudizi o orpelli, come la realtà dei fatti sia l’unica arma nei confronti del revisionismo o della negazione storica.

I registi di All’armi siam fascisti hanno dovuto combattere con la censura per far vedere il loro film fin dalla sua uscita, quel 1962 dove il boom economico e la voglia di seppellire il passato facevano dimenticare al popolo italiano ciò che avevano vissuto pochi anni prima.

Il ventennio fascista fu caratterizzato da illusioni e consensi miopi, a cui la massa aveva obbedito sposando una visione di società che non si discosta molto da ciò che stiamo vivendo oggi: da un lato, il popolo che si fa abbindolare da un leader, che gioca sull’ignoranza e sul carattere manipolante dei suoi, per poter accrescere il suo potere; dall’altro lato, un regime fondato sulla fragilità dell’essere umano, che in un momento di crisi si appende al primo carro che passa che “parla la sua lingua”. Qualcosa di simile è accaduto solo pochi giorni fa, con gli accessori LIDL presi d’assalto come un feticcio da avere a tutti i costi: il perché e il senso di tutto ciò è insito nell’animo umano, che obbliga se stesso a seguire un fiume in piena senza porsi delle domande. Così fece la società del ventennio che, pur di non dover fare i conti con una propria coscienza, ha poi rinnegato tutto, anche in modo meschino e vile. Delle scene schiette e a volte correttamente violente, un commento che spesso fa parallelismi con gli anni ’60 e un grande coraggio, soprattutto nella critica al ruolo che ebbero la Chiesa e le istituzioni, fanno di All’armi siam fascisti un documento attuale, da rivedere spesso per non omettere chi siamo. 

Pays barbare è invece un film di montaggio che racconta, attraverso materiale originale d’epoca, la guerra coloniale fascista in Libia e nei Paesi del Corno d’Africa, con tutte le sue conseguenze. I barbari da civilizzare con le armi, le dinamiche sciocche del colonialismo, la disumanità della guerra sono accompagnati dai canti di Giovanna Marini e dimostrano l’orrore perpetrato nei confronti dell’uomo. Una violenza stupida e inutile, la radice di un odio che evidente anche oggi. Il diverso che non ha diritto di replica e, anzi, deve essere usurpato della sua libertà in nome dell’accrescimento del proprio ego. Gianikian e Ricci Lucchi utilizzano uno stile quasi sperimentale, accompagnando il tutto con una colonna sonora onirica e funeraria che vira pian piano nel surreale e nell’avanguardistico. Fotogrammi espressivi, frammentati, che non giocano sulla morbosità, ma mostrano e basta. Un atto artistico offerto nella sua semplicità non per scioccare, ma per insegnare. Una cosa che spesso dimentichiamo: la Storia non deve insegnarci per non commettere gli errori del passato, ma perché siamo tutti troppo ignoranti. Ignoriamo per non dover poi fare i conti con noi stessi, alzi la mano chi dimostra di fare il contrario sempre e comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly