adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La regina degli scacchi

sabato 19 Dicembre, 2020 | di Juri Saitta
La regina degli scacchi
Serie TV
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

I fattori dello scacco
Distribuita da Netflix il 28 ottobre e rimasta per più di un mese in vetta alla classifica dei titoli più visti della piattaforma, La regina degli scacchi è una miniserie che deve il suo successo a diversi fattori estetici e narrativi, a cominciare da uno script che unisce un soggetto apparentemente insolito, degli sviluppi drammaturgici già battuti e alcuni richiami alla contemporaneità.

Tratto dal romanzo omonimo di Walter Travis, il titolo in questione racconta la storia di Elizabeth, una ragazza povera e sola che negli States tra la fine degli anni Cinquanta e i Sessanta riesce in pochi anni a diventare una campionessa di scacchi di livello mondiale, nonostante la sua dipendenza da alcol e psicofarmaci.

Anche se al cinema e in televisione si sono raramente viste donne scacchiste e la vicenda di Elizabeth può quindi sembrare insolita e originale, in realtà siamo di fronte a una tipica storia incentrata sul sogno americano (l’outsider che riesce a raggiungere grandi mete con le sue sole forze) e sul tipico personaggio talentuoso nel quale convivono genio e sregolatezza, doti sorprendenti nel proprio campo e grandi debolezze nella vita privata e quotidiana. Tutti elementi narrativi molto classici e tradizionali che l’opera riesce però ad adattare a una sensibilità più moderna e contemporanea, affrontando tematiche come il femminismo (Elizabeth è una donna che deve farsi strada in un mondo maschile), l’eguaglianza etnica (si pensi all’accenno alla lotta per i diritti civili) e la messa in discussione dell’istituzione familiare, qui rappresentata dai disfunzionali genitori adottivi della protagonista.

Ma i punti che davvero esaltano tutto il potenziale della vicenda e che rendono la serie alquanto efficace si trovano nell’interpretazione della brava e carismatica Anya Taylor-Joy e, soprattutto, nel modo dinamico e coinvolgente con cui vengono riprese le partite a scacchi. La regia, infatti, riesce nella non facile operazione di rendere avvincente e spettacolare un gioco di per sé statico e fondato sul ragionamento attraverso soluzioni semplici ma incisive, come un ottimo uso del campo/controcampo (lo scambio di sguardi tra gli sfidanti indica l’andamento della partita), dei dettagli (la suspense è scandita anche dai diversi stacchi su pedine, lancette dell’orologio, ecc.) e da una buona gestione dei tempi, sempre funzionale al grado di tensione che s’intende di volta in volta trasmettere. Tutto ciò in un’opera non priva di forzature tematiche e scivoloni estetici (gli scacchi sul soffitto), ma che grazie all’unione tra una scrittura efficace e una messinscena puntuale, tra schemi tradizionali e riferimenti contemporanei, ha saputo esaltare tutte le sue potenzialità emotive e spettacolari, appassionando così un buon bacino di spettatori.

La regina degli scacchi [The Queen’s Gambit, USA 2020]. IDEATORI Scott Frank, Alan Scott. CAST Anya Taylor-Joy, Bill Camp, Marielle Heller, Thomas Bordie-Sangangster, Moses Ingram, Harry Melling, Isla Johnston, Christian Seidel, Rebecca Roo. 
Drammatico, durata 46-68 minuti (episodio).

One Comment

  1. Federico Von Kleist says:

    Serie affascinante mi ha sorpreso piacevolmente
    La protagonista molto brava direi ipnotica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly