adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il colore del melograno (1969)

sabato 10 Aprile, 2021 | di Emanuele Rauco
Il colore del melograno (1969)
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il mondo è una finestra
Un buon esempio di cosa intendesse Jean-Luc Godard quando scrisse “È ora di fare i film in modo politico”. Quando nel 1969 Sergej Paradžanov realizzò Il colore del melograno – restaurato dalla Cineteca di Bologna assieme alla Fondazione di Scorsese e disponibile nel programma mensile della Cineteca Fuori Sala su MyMovies – è come se in seno all’Unione Sovietica dell’epoca scoppiasse una bomba, con conseguente reazione censoria. 

Perché fino a quel momento Paradžanov aveva realizzato film perfettamente sovietici, al limite della propaganda e sentendosene “disgustato” (come dichiarerà in seguito) passò a un completo cambio di rotta, non politico, ma di sguardo:

Il colore del melograno è un film come non si era mai visto prima in URSS e anche un po’ nel resto del mondo. La base di partenza è la vita del trovatore e poeta armeno Sayat Nova (che dava il titolo alla versione originale del film, prima del rimontaggio di Stato), ma la realizzazione non è narrativa, è puramente pittorica, ispirata alla tradizione armena, alle miniature, al folklore.

“Tableaux vivants” composti da nature morte e simboli, inquadrature fisse dentro cui far germogliare le immagini staccandole dal naturalismo e affrontando un viaggio a ritroso nel tempo, in un concetto di antichità che per un’istituzione come quella sovietica del tempo doveva essere veleno. È uno stile che Paradžanov aveva anticipato già nel suo film precedente L’ombra degli avi dimenticati (1964), con cui si era cominciato a interessare alle tradizioni orali e popolari del proprio paese d’origine, ma che in Il colore del melograno raggiunge la perfezione e che continuerà a svilupparsi nei film a venire: la pura essenza estetica del cinema – l’immagine di Suren Shakhbazyan, le musiche di Tigran Mansurian, i suoni staccati dall’immagine – senza l’obbligo di raccontare, bensì, proprio come una poesia, di tramutare le immagini in idee, di chiedere allo spettatore di lasciarsi travolgere dalla carica visiva e spesso visionaria dell’immagine in sé, con il suo carico di significato che le scorre dentro.

Paradžanov sembra cercare un’immagine che sembri più antica del cinema stesso (come scrisse il critico scozzese Gilbert Adair), lavora su tutto ciò che il cinema, fin dalla sua apparizione, aveva superato, come la bidimensionalità e la staticità, i primitivi effetti di montaggio, fino al colore che diventa la linfa vitale dell’immagine stessa, che scolpisce gli spazi per toglierli dall’esigenza di “educare il popolo” e li riporta, con grande fertilità, al bisogno di farlo sentire, pensare, di essere colpiti e scioccati dalla potenza stessa dell’immagine, dall’estetica come veicolo di pensiero. Ecco la rivoluzione, ecco il cinema politico, quello che reagisce ai doveri e alle imposizioni dominanti prendendosi la libertà di andare da un’altra parte, di scavare dentro se stesso per guardare altrove. 

Il colore del melograno [Sayat Nova, URSS 1969] REGIA Sergej Paradžanov.
CAST Sofiko Chiaureli. SCENEGGIATURA Sergej Paradžanov.
FOTOGRAFIA Suren Shakhbazyan. MUSICHE Tigran Mansurian.
Biografico, durata 78 minuti.

2 Comments

  1. Alessandro says:

    Capolavoro assoluto! L’ho visto proprio qualche giorno fa, per uno studente di cinema come me è una risorsa e una scoperta incredibile. Grandi a riproporre questi film!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly