adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Madre

sabato 10 Luglio, 2021 | di Vito Mario Piazza
Madre
Film History
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Beati gli smemorati, perché avranno la meglio anche sui propri errori”
Madre, quarto lungometraggio di Bong Joon-ho, gravita attorno alla figura di un’anziana signora combattiva e volitiva, e di tutti i suoi sforzi affinché il figlio – problematico e impacciato – venga scagionato dall’accusa di aver assassinato una ragazzina, come sembrano indicare prove tutt’altro che incontrovertibili.
Il cuore di Madre, è proprio il caso di dirlo, è costituito dalla funzione e dalla figura materne, declinate con dolente e poetica leggiadria da una vibrante e intensissima Kim Hye-ja. Le sue fattezze minute, nonché la fragilità (solo apparente) del suo personaggio, sembrano preannunciare un’impresa proibitiva: la solitaria lotta di una donna in là con gli anni contro tutto e contro tutti.

L’animo di una madre ha ragioni che la logica e l’evidenza non riescono a scalfire, e persino per lo spettatore conta poco o nulla che il rapporto filiale assuma spesso contorni morbosi, scabrosi, claustrofobici o, nella migliore delle ipotesi, disfunzionali. È tutta nel meccanismo del conflitto sistemico, e nella matrice genitoriale ontologicamente protettiva dalla quale questo scaturisce, la ragion d’essere (di) Madre. Un film che a posteriori è semplicissimo collocare nel solco delle più note produzioni di Bong Joon-ho, tanto a livello tematico che strutturale. Accorto tessitore di trame pregnanti e dense, il regista dimostra anche in questo film tutta la propria abilità nell’innervare con diversi “a parte” il tronco principale della narrazione, a cominciare dalle consuete, amarissime riflessioni di stampo sociale e sociologico. Sulla base dell’esperienza di Memories of Murder (2003), ecco che la Corea del Sud appare un Paese sviluppato a metà, infestato da un corpo di polizia infingardo e sempre in cerca di capri espiatori. Un Paese che somiglia a una satrapia culturale degli Stati Uniti e ne consuma avidamente i prodotti televisivi – come, appunto, viene espressamente detto in Madre – per poi smaltirne le scorie (The Host, 2006). Un Paese dove persino il costo della vita è proibitivo per amplissime fette di popolazione serve da cavallo di Troia agli scopi di Bong Joon-ho, che  così oggettiva la principale chiave di volta non solo del film, ma forse della sua intera filmografia.

Così configurata, quella della madre e del figlio Do-joon è solo un’altra sfumatura, un’altra declinazione della marginalità, in un contesto che si autoalimenta della guerra tra poveri e dove c’è sempre qualcuno un po’ più ai margini, qualcuno ancor più al di sotto della soglia di rispettabilità, quindi pronto a pagare il fio delle altrui colpe. È la medesima marginalità, con le tensioni sociali centripete che essa sottende, a giustificare anche molte scelte scenografiche: i livelli non sono ancora quelli di Parasite (2019), ma il simbolismo geografico e scenico e la ricercatezza nella composizione del quadro rimangono comunque di importanza capitale.

Regista di confine per molti versi, anche il Bong Joon-ho di Madre lambisce vari generi, eppure in questo caso non mostra la determinazione di risolverne alcuno. La sceneggiatura lascia più di qualche punto in sospeso, e non è aiutata da atmosfere fluide e surreali che non agevolano la scorrevolezza del racconto e la comprensione del pubblico. Il quale rimane spiazzato anche da frequenti – ma tutt’altro che convincenti – sconfinamenti metafilmici e teoretici sull’affidabilità dell’immagine e sull’oggettività della rappresentazione. Elementi, questi, sì artatamente manipolabili al pari della memoria, ma che forse avrebbero beneficiato di una trattazione meno dispersiva e maggiormente calibrata.

Madre [Madeo, Corea del Sud 2009] REGIA Bong Joon-ho.
CAST Kim Hye-ja, Won Bin, Jin Goo. SCENEGGIATURA Park Eun-kyo, Bong Joon-ho.

FOTOGRAFIA Hong Kyung-pyo. MUSICHE Lee Byung-woo.
Drammatico/Thriller, durata 128 minuti.

4 Comments

  1. Gianni says:

    A mio parere è il miglior film di Joon-ho, insieme a Memories of murder

  2. Kaiser Franz says:

    Per me invece è “The Host” il film migliore di Bong Joon-ho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly