adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Calvert Journal Film Festival: i vincitori

martedì 2 Novembre, 2021 | di Davide Abbatescianni
The Calvert Journal Film Festival: i vincitori
Festival
0
Facebooktwittermail

Il Calvert Journal Film Festival annuncia i vincitori della sua seconda edizione

Si è conclusa il 31 ottobre la seconda edizione del Calvert Journal Film Festival. Nell’evento virtuale, organizzato dall’omonima rivista online londinese, 35 titoli dal cosiddetto “Nuovo Est”, suddivisi in sei categorie. La giuria ha premiato il miglior film per ogni categoria ed è stato assegnato, inoltre, un premio del pubblico.

I giurati di quest’anno sono stati il cineasta kazako Adilkhan Yerzhanov (regista di Yellow Cat, presentato l’anno scorso nella sezione Orizzonti di Venezia), l’attrice bosniaca Selma Alispahić (Secrets from the Past, Selam), l’attivista e regista lituano Romas Zabarauskas (The Lawyer), la regista kosovara Norika Sefa (il suo Looking for Venera ha vinto il premio speciale della giuria a Rotterdam), la produttrice ucraina Natalia Libet (il suo Stop-Zemlia ha vinto l’Orso di Cristallo a Berlino), l’antropologo e documentarista ceco Pavel Borecký (il suo primo lungometraggio, Living Water, ha debuttato quest’anno a Visions du Réel), la critica cinematografica e programmatrice neozelandese Carmen Gray, la programmatrice e giornalista lettone Zane Balčus e la critica cinematografica e giornalista scozzese Amber Wilkinson.

Il premio per il miglior lungometraggio di finzione è andato alla regista lettone Laila Pakalniņa per il suo Dawn. La giuria ha particolarmente apprezzato il film “molto complesso, durante il quale uno spettatore può vivere un’ampia gamma di emozioni” e lo ha descritto come “un mix di cultura e storia, nonché di commento sociale e politico.” L’opera segue le vicende di un giovane residente di una comune ai tempi della Lettonia sovietica, il quale decide di ribellarsi al padre violento e finisce per provocare una spirale di eventi imprevedibili.

Il premio per il miglior lungometraggio documentario, invece, è andato a Warsaw: A City Divided di Eric Bednarski. La giuria ha lodato il modo in cui il film “contestualizza del raro materiale d’archivio del ghetto di Varsavia con le testimonianze dei sopravvissuti”, gettando luce su alcuni aspetti della storia polacca e dell’Olocausto.

Infine, il premio per il miglior film d’animazione è stato assegnato a My Favorite War, diretto da  Ilze Burkovska-Jacobsen. La giuria ha deciso di premiare lo sforzo della regista nel riportare in vita un passato doloroso e la sua capacità di rendere la propaganda un argomento di discussione accessibile al pubblico di ogni età.

Qui di seguito riportiamo tutti i vincitori dell’edizione di quest’anno:

  • Miglior lungometraggio di finzione: Dawn – Laila Pakalniņa (Lettonia/Estonia/Polonia)
  • Miglior lungometraggio documentario: Warsaw: A City Divided – Eric Bednarski (Polonia)
  • Miglior film d’animazione: My Favorite War – Ilze Burkovska-Jacobsen (Lettonia/Norvegia)
  • Miglior cortometraggio: History of Civilization – Zhannat Alshanova (Kazakistan)
  • Miglior film sperimentale: Microcassette – The Smallest Cassette I’ve Ever Seen – Igor Bezinovic e Ivana Pipal (Croazia)
  • Miglior film diretto da uno studente di una scuola di cinema: The Vibrant Village – Weronika Jurkiewicz (Ungheria)
  • Premio del pubblico: Rhythms of Lost Time – Anisa Sabiri (Tagikistan)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly