adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The French Dispatch

mercoledì 24 Novembre, 2021 | di Elisa Di Fiore
The French Dispatch
film a confronto
0
Facebooktwittermail

Un nuovo esercizio di stile

Alla morte del direttore del giornale The French Dispatch, la redazione prepara un numero d’addio che comprende i tre migliori articoli mai pubblicati: un assassino che in carcere diviene artista, una rivolta studentesca e il rapimento di un bambino risolto grazie a un famoso chef. È questa la trama del nuovo film di Wes Anderson, The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun.  

La prima storia parla di arte e passione. La vicenda è molto più introspettiva di quanto possa sembrare a un’osservazione superficiale e il motivo della solitudine, caro ad Anderson, diviene il tratto distintivo della psiche dei personaggi.  

La seconda storia è forse la più interessante: Anderson crea per la prima volta nella sua carriera la possibilità di essere esplicitamente politico e tuttavia decide di non coglierla. Rimane il conflitto generazionale, elemento inevitabile persino per Anderson. Per il resto, il singolare Sessantotto apolitico del regista non fa altro che mettere in luce una gioventù irrequieta per cui l’amore vale più di slogan, contestazioni, libretti rossi. E nel far questo Anderson è più vicino alla realtà di oggi di quanto non sembri. 

L’ultima storia narra del rapimento del figlio di un commissario di polizia, che avviene durante una cena preparata del celebre chef Nescaffier. Emerge la centralità del cibo non solo come fonte di nutrimento e di piacere, ma anche come elemento estetico e risolutivo.  

Come tutti i film di Anderson anche questo presenta una cura maniacale per i dettagli, una simmetria esasperata e un’estetica retrò. A far discutere sono però le innovazioni apportate. Ogni suo film, infatti, soleva basarsi su una precisa e circoscritta palette di colori, che ricorrevano tanto nei costumi quanto nella scenografia. The French Dispatch è caratterizzato invece da una maggiore eterogeneità cromatica, oltre che dall’alternarsi del bianco e nero con il colore. Questa scelta permette di focalizzare l’attenzione su scene che vengono portate fuori dal tempo della storia, sospese in un limbo grigio in cui bisogna osservare i corpi e i gesti più che l’azione in sé. Azione che peraltro, rispetto agli standard andersoniani, è incredibilmente dinamica. Basti pensare a The Royal Tenenbaums, che riesce a essere deliziosamente statico pur raccontando una saga familiare.  

Non mancano le citazioni: l’alternarsi di storie diverse è, per ammissione del regista stesso, un omaggio alla tradizione del cinema italiano di Fellini, Visconti e Pasolini; si colgono suggestioni di Truffaut e Godard, a cui non si può non pensare seguendo la vicenda delle agitazioni studentesche.

Ma soprattutto, con un certo gusto autocelebrativo in cui Anderson si crogiola da anni, vi sono numerosi richiami ai suoi film precedenti. I complicati rapporti relazionali dei suoi personaggi ricordano quelli dei Tenenbaum, assieme ad un certo compiacimento per la bizzarria. La perfezione delle creazioni culinarie di Nescaffier è la stessa dei courtesan au chocolat della pasticceria Mendl’s in Grand Budapest Hotel. Inoltre, in entrambi i casi il cibo rappresenta la via d’uscita da una condizione di prigionia. L’amore non è quello naif tra bambini in Moonrise Kingdom o quello impossibile e tormentato tra i fratelli Tenenbaum, ma sembra derivare dalla fusione di entrambe le esperienze. La moltitudine di citazioni di solito rischia di far diventare il tutto poco fruibile, ma l’abilità di Anderson sta nell’inserirle in contesti in cui divengono di facile lettura.

Elisa Di Fiore (Roma, 2002). Studentessa di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali – Università degli Studi Roma Tre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly