adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ascension

sabato 9 Aprile, 2022 | di Andrea Moschioni Fioretti
Ascension
Pordenone Docs Fest
0
Voto autore:

Con Ascension Jessica Kingdon fa un ritratto obiettivo e lineare della società contemporanea cinese e del suo sogno di crescita

Chinese Dream

“La Cina è vicina” diceva Bellocchio nel 1967, un’affermazione che oggi è quantomai attuale: Jessica Kingdon con il suo documentario ci dimostra quanto, oltre ad essere “vicina”, sia diventata una potenza in forte e competitiva ascesa a livello sociale ed economico. 

Candidato come miglior documentario agli ultimi Oscar, Ascension spiega il reclutamento di forza lavoro da parte di fabbriche manifatturiere di ogni tipo, con richieste e condizioni di lavoro tra le più disparate, per fotografare il grande Stato asiatico e il suo tessuto sociale, analizzando il complesso sistema del lavoro e gli strati sociali che popolano il Paese.

Ascension

Una dittatura per parte del mondo occidentale – abituato però a una sua definizione ben più nera -, un’opportunità di crescita per chi invece ci abita e la conosce da vicino. Di sicuro la libertà individuale e di parola è limitata, ma se si scava più a fondo si possono forse trovare dei lati “positivi”. Di ciò ci parla Ascension senza giudicare, ma mostrando l’evolversi delle giornate e della vita quotidiana di una popolazione che apparentemente sembra serena. Un viaggio che parte dalla  gente che ha abbandonato le campagne per arrivare ai nuovi ricchi, futura classe dirigente. Nessuna voce over, solo un flusso di immagini che raccontano la vita – con un lavoro esemplare sul montaggio e sulla messinscena che non si limita a collegare immagini e concetti, ma che si insinua tra le persone e i loro gesti – fatta di catene di montaggio e istruzioni sul comportamento da avere in società. Volti che scrutano un futuro roseo, almeno sulla carta, che non dimostrano fatica o desideri: il sogno cinese ha surclassato quello americano; cambiano gli obiettivi ma non le aspirazioni. Ascension è chirurgico nell’esporre la sua tesi: il sogno americano è collettivo, nel paese di Xi Jinping è individuale, ma volto al benessere della collettività. Qui si ritiene, infatti, che se ognuno fa la sua parte tutti ne gioveranno, un assunto che non può che dimostrare la coesione di una società non competitiva ma convinta di potersi arricchire senza dover per forza annientare il prossimo. 

Il documentario fa vedere che, come accadde in Occidente all’indomani del secondo conflitto mondiale, la povertà è quasi annullata, ognuno può avere un reddito, anche se chiaramente cambiano i guadagni in base al lavoro che si fa. Jessica Kingdon utilizza il medium cinematografico con tutte le sue sfaccettature a partire, come detto, dal montaggio fino ad includere una colonna sonora che esalta la pomposità di alcuni momenti: su tutto la creazione meticolosa e quasi maniacale di alcuni oggetti di uso comune (vedi i tappi per i dispenser di creme e bagnoschiuma) che le fabbriche producono senza sosta. 

La Cina è ormai all’avanguardia, non produce più solo le “cinesate” che troviamo nei negozi, ha una sua caratura produttiva e il suo popolo si confronta sempre di più con quello occidentale. Singolare è la sequenza in cui ci viene mostrata la lezione di un gruppo di giovani che imparano a mangiare con forchetta e coltello e a riconoscere cibi come prosciutto o vini pregiati. 

Come nel finale – in cui in un’unica inquadratura vediamo una influencer che si fa fotografare nel giardino di un hotel di lusso, e dietro di lei un giardiniere curvo a rizollare la terra – Ascension cerca di mostrare il progresso e il rovescio della medaglia di una società sì in crescita ma non senza contraddizioni.

  • Ascension [id., USA 2021] 
  • REGIA e MONTAGGIO Jessica Kingdon
  • MUSICHE Dan Deacon
  • Documentario, durata 97 minuti

Comments are closed.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly