adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il trono di spade – Season 4

sabato 12 Luglio, 2014 | di Carmen Spanò
Il trono di spade – Season 4
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

ATTENZIONE, SPOILER

Verso un ordine nuovo
It’s not a joke, you understand that, don’t you?” “Of course it is a joke, just not a very funny one…” Formidabile Tyrion nel riassumere, con un’unica battuta tra il sarcastico e il disperato, il senso degli eventi che lo hanno portato con la testa quasi sulla picca: il gioco della sopravvivenza è il destino non-scelto di tutti gli uomini; se solo le regole fossero diverse, giocare potrebbe anche rivelarsi in parte divertente.

Cose nuove e antiche sotto il sole oscurato dei Sette Regni. La potente famiglia Lannister parte male e conclude anche peggio: due morti eccellenti segnano il declino di un organismo dinastico votato a divorare se stesso. La spettacolarità della fine – godibilissima per occhi esterni, ma l’agonia non sarà stata troppo breve? – del giovane re televisivo più odiato di sempre esaspera fino al punto di non ritorno mal sopiti sentimenti di odio (padre-figlio) e vendetta (sorella-fratello).mediacritica_games_of_thrones_season_4 Sul fronte Stark, le giovani Sansa e Arya si rivelano personaggi dalle evoluzioni tra le più interessanti. Merito delle lezioni di Littlefinger e “the Hound” sul mondo reale: l’innocenza e la pietà sono virtù (apparentemente) inconciliabili con il gioco della sopravvivenza. Lo sa bene John Snow, che della natura umana ha visto il lato abominevole in un susseguirsi di tradimenti e massacri. Un’idea di speranza illumina la storyline dedicata a Brandon e compagni: per il giovane erede di casa Stark (anche se Rickon si troverà pur da qualche parte…) il finale di stagione riserva la promessa di un ruolo nuovo e, forse, decisivo sugli avvenimenti futuri. Venti più favorevoli, seppur ancora molto freddi, per Stannis Baratheon: con un esercito finanziato della Iron Bank di Braavos e trattative in corso con il re oltre la barriera Mance Rayder, il trono di spade riassume i contorni di una conquista ancora perseguibile. Mentre si allontana verso un orizzonte distante per la coraggiosa Daenerys Targaryen, “orfana” del suo (ex) consigliere più fidato, tormentata regina di popoli in rivolta e madre straziata di “figli terribili” costretti in cattività. Una stagione di passaggio la quarta di Game of Thrones, in cui l’ordine costituito si sfalda, importanti relazioni umane giungono al termine, diversi personaggi maturano (senza dare a ciò una connotazione necessariamente positiva), i rapporti di potere si ridefiniscono. Una stagione non sempre fluida nella delineazione episodica delle varie sotto trame, ma con performance esemplari e sequenze memorabili (ep. 2, 6, 8, 10). Una stagione che non lesina nulla sul fronte rappresentazione della violenza e fa dell’impianto scenografico, ancora una volta, un punto di forza della narrazione visiva (ep. 9, in particolare). E il futuro? L’arena dei giochi riaprirà tra circa un anno, per i non-lettori della saga di Martin sono già aperte online le scommesse sulle nuove morti illustri. L’imprevedibilità, poi, alimenterà il piacere dell’attesa. Dopotutto, esiste solo un’unica certezza in Game of Thrones: sapere che per tutti là fuori “the night is dark and full of terrors”…

Il trono di spade [Game of Thrones, USA 2014] IDEATORI David Benioff, D.B. Weiss.
CAST Lena Headey, Emilia Clarke, Peter Dinklage, Nikolaj Coster-Waldau, Aidan Gillen.
Fantasy/Drama, durata 60 min. (episodio), stagioni 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly