adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mad Men – Season 7

sabato 30 Maggio, 2015 | di Chiara Checcaglini
Mad Men – Season 7
Serie TV
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Fine trasmissioni, pubblicità
Con il saluto finale di Mad Men c’è chi già parla della fine di una certa epoca della serialità televisiva, quella dei grandissimi quality drama che hanno lanciato nell’iperuranio il livello medio del racconto seriale.

Solo il tempo e le scelte commerciali di vecchi e nuovi canali risponderanno alla questione, intanto nell’ultimissimo atto della serie di Matthew Weiner, tutto entra nel quadro in modo un po’ più frammentario del solito: laddove la prima metà di stagione, andata in onda l’anno scorso, era compatta e puntellata di precisissime linee narrative (il ritorno ridimensionato di Don dopo il semi-licenziamento; l’arrivo del computer; il toccante rapporto con Sally, mediacritica_mad_men_season_7quello che va a rotoli con Megan) e di episodi-capolavoro (7×04 The Monolith; 7×06 The Strategy), la seconda metà appare più dispersa in pezzi di vite che progressivamente si allontanano l’una dall’altra, ognuna da riallacciare con se stessa e non più nell’insieme familiare della SC&P: perché nel momento in cui l’ennesima, definitiva rivoluzione tra le mura dell’agenzia si compie, sappiamo che è davvero finita. Surrealmente e magnificamente salutato da una delle migliori sequenze dell’ultima parte, il duetto per organo e pattini di Roger e Peggy in Lost Horizon, lo scenario di gran parte della vita lavorativa dei protagonisti si disfà davanti ai nostri occhi e lascia il posto agli angusti spazi del colosso McCann-Erikson, con i suoi clienti a cinque stelle (per la cronaca, McCann è davvero l’agenzia pubblicitaria della Coca Cola). Don Draper invece lo avevamo ritrovato di nuovo nel pieno possesso di charme e potere, a ciondolare tra serate di vizi e diversivi. Poi l’ennesimo incontro profondo e inutile, la fine del matrimonio, la smaterializzazione dei luoghi (la casa) e di se stesso: non appena approdato alla mega-agenzia, si rende conto di essere un altro paio di maniche di camicia in un ingranaggio ben oliato di creativi intercambiabili, e allora se ne va, di nuovo in fuga e in continua ricerca di nulla. Verso la fine è saldamente lontano, fisicamente e psicologicamente, e ci lascia rassegnati nella constatazione del suo destino di perno irrisolto e sfuggente di un affresco dove tutto e tutti cambiano tranne lui. Non si tratta più nemmeno dello sprofondare nell’oscurità né degli echi di morte delle stagioni precedenti: Don è solo con se stesso, il suo passato e i suoi tormenti, mentre le risoluzioni sembrano rimanere altrove, nel doloroso finale di Betty, nell’unione folle di Roger e Marie, nel finale chissà quanto luminoso di Pete, e soprattutto nel lieto fine romantico di Peggy, e in quello di Joan, che si disinteressa delle lusinghe di una vita agiata e senza responsabilità offerta dalla sua ultima conquista per dedicarsi a ciò che sa fare meglio. È qui che Weiner ci prende sonoramente in giro, ci fa credere e temere che una ricerca interiore, così out of character e disorientante, possa curare Don, per poi ribaltare tutto nell’ultimissima inquadratura, brutalmente e furbescamente. Dopo aver vissuto e arrancato per due esistenze, l’ultima personale conquista di Don è allora ammettere di essere esattamente quello che è stato nella vita della serie: un grande, geniale advertiser.

Mad Men [id., USA 2007-2015] IDEATORE Matthew Weiner.
CAST Jon Hamm, Elisabeth Moss, January Jones, John Slattery, Jessica Paré, Vincent Kartheiser, Christina Hendricks.
Drama, durata 45 minuti (episodio).

Mad Men – Season 7
4.8 6 96.67%

2 Comments

  1. nicole says:

    che è anche un po’ il rendersi conto per tutti noi, dopo una vita passata a cercare se stessi, che si è quello che si è stati fino a quel momento.

    • Chiara Ch says:

      e proprio Don Draper è anche il personaggio che esteticamente cambia di meno nel corso della serie: no baffi, no basette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly