adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

House of Cards – Stagione 1

sabato 23 Febbraio, 2013 | di Alice Cucchetti
House of Cards – Stagione 1
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Castelli di carte
Gli edifici, nei film di Fincher, sono sempre importanti. Dalla biblioteca di Seven ai grattacieli implosi di Fight Club, fino alle traiettorie algide e sottilmente sinistre di The Social Network e Millennium. Uomini che odiano le donne.

La sigla di House of Cards ci restituisce per 13 episodi una Washington di palazzi, strade e monumenti, inamovibili e incombenti mentre attorno tutto scorre, veloce ed elettrico, come l’acqua. Ogni personaggio è imprigionato nel suo ambiente, mediacritica_house_of_cardsci vive in simbiotica opposizione. Il protagonista Frank Underwood sa di mogano e tappeti persiani, suadente ed infido come le stanze del potere in cui si muove, e poi si rifugia nella sua cantina – o nel localaccio angusto in cui ama abbuffarsi di costine barbecue – per complottare e allenarsi alla vogata finale. Sua moglie Claire è elegante e raffinata come l’architettura pulita degli  uffici dove conduce un’attività benefica dalle cifre spropositate e dai mezzi spesso malleabili, e poi fugge nel loft finto trasandato del suo amante fotografo inglese. Zoe Barnes, reporter ambiziosa e con ben pochi scrupoli, abita un appartamento sporco, moquette macchiata e un’invasione d’insetti. Il deputato Peter Russo ha un alloggio high tech, freddo e grigio come il marmo, e come il futuro spietato che lo attende. La storia, scritta da Beau Willimon (autore della pièce Farragut North e della sceneggiatura che ne è stata tratta, Le Idi di marzo), echeggia volutamente Shakespeare (Enrico III, soprattutto, ma anche Macbeth) mentre muove le pedine della partita a scacchi orchestrata da Frank Underwood (un gigionissimo Kevin Spacey, che ostenta anche un credibile, appiccicoso e languido accento del Sud) per prendersi il Potere, senza fare prigionieri. La serie è la prima prodotta interamente da Netflix, colosso statunitense dell’home video e dello streaming on demand, che, rilasciando sul sito, per i suoi abbonati, tutta la prima stagione in una botta sola, sfida il nostro modo di utilizzare gli aggettivi “televisivo” e “seriale”. Fincher fa da produttore esecutivo (insieme a Spacey stesso) e dirige i primi due capitoli impostando una direzione, soprattutto stilistica, in linea con la sua filmografia (soprattutto con gli ultimi due lavori), indicando una marcescenza evidente proprio laddove le superfici si mostrano più levigate. Eppure, House of Cards non è un lungo film in tredici parti, ma mantiene una salda conoscenza della narrativa televisiva: si prende i suoi tempi e regala anche episodi d’approfondimento e di pausa (quelli che, se fossimo in Tv, definiremmo “filler”, riempitivi, e che in effetti riempiono di dettagli l’intimità dai personaggi, e di senso le loro azioni). La meschinità irredimibile di Frank ci affascina e ci distanzia, esattamente come il suo rapporto con Claire (Robin Wright, responsabile di un’interpretazione straordinaria), autenticamente complice (almeno all’inizio) e refrattario a ogni regola del (melo)dramma familiare. Incorniciati da una finestra, mentre fumano insieme l’unica rituale sigaretta della giornata, guardano fuori da una casa talmente perfetta da sembrare disabitata. Noi li guardiamo a nostra volta, ammirati per la loro machiavellica sete di potere, e per l’ottimo esordio di una “rete” che forse, fra qualche anno, saprà sopravanzare la Hbo.

House of Cards [Id., USA 2013] CREATA da Beau Willimon a partire dal romanzo di Micheal Dobbs e dall’omonima serie Bbc
CAST Kevin Spacey, Robin Wright, Kate Mara, Corey Stoll, Micheal Kelly, Sakina Jaffrey, Kristen Connolly
Political drama, durata 50 minuti (episodio), stagione 1

House of Cards – Stagione 1
4 2 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly