adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La ferrovia sotterranea

sabato 12 Giugno, 2021 | di Chiara Checcaglini
La ferrovia sotterranea
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

In fondo al tunnel nessuna luce
Diretta da Barry Jenkins (Moonlight, Se la strada potesse parlare) e tratta dall’omonimo libro di Colson Whitehead, La ferrovia sotterranea sfida da molti punti di vista le caratteristiche usuali delle serie contemporanee.

La miniserie racconta di Cora, una schiava di proprietà della famiglia Randall, che da bambina fu abbandonata dalla madre Mabel, unica schiava mai riuscita a fuggire. Con la figura della madre, Cora ha un rapporto ambiguo, che diventa la chiave di una riflessione sulle generazioni, sul senso di comunità e sulle colpe di padri/madri sui figli, e viceversa: da un lato Cora prova odio per essere stata lasciata indietro e condannata a una vita di violenze, dall’altro ispirazione, per essere riuscita nell’impresa impossibile della fuga. Dopo l’ennesimo atto di efferato sadismo contro uno degli schiavi, Cora viene convinta da Caesar, uno schiavo che a differenza degli altri sa leggere e scrivere, a tentare la fuga: infatti in questo passato ucronico pre-guerra civile esiste un treno leggendario, gestito in clandestinità da volontari neri e bianchi, che corre sottoterra ed è raggiungibile da botole e passaggi segreti nascosti e protetti.

Ma il treno non significa necessariamente salvezza, anzi, ogni impulso a rivestirlo di un valore simbolico salvifico viene regolarmente demolito dalla narrazione. Cora comincia un viaggio lungo il quale a ogni fermata incontrerà nuove forme di oppressione e barbarie dei bianchi sui neri, alcune più esplicite, altre più striscianti e inquietanti: in ogni caso, non potrà mai fermarsi, anche perché sulle sue tracce, sempre a un passo da lei, c’è l’infallibile cacciatore di schiavi Ridgeway, che oltre ad essere al soldo della famiglia Randall ne fa una questione personale, non essendo mai riuscito a recuperare Mabel.

Senza bisogno di ricorrere in modo esplicito agli stilemi dell’horror, scelta che recentemente ha interessato più volte il racconto della traumatica storia afroamericana, sia al cinema (i film di Jordan Peele) che nelle serie (Lovecraft Country, Them), La ferrovia sotterranea è capace di comunicare l’orrore e la violenza costanti agiti su Cora e sugli altri, nonché la coltre di odio e paura irrazionale che i bianchi frappongono tra loro e i neri, e attraverso i quali giustificano le più folli crudeltà.

Mentre Cora resiste e va avanti, portando addosso i suoi traumi ma anche quelli delle persone incontrate e perdute lungo il percorso, a rendere la serie innovativa e straordinaria è un insieme di scelte che coinvolgono tutti i livelli testuali in modo coerente: la regia di Jenkins e la fotografia di James Laxton sono sfruttate creativamente, gli episodi sono punteggiati di trovate visive e sonore che amplificano, connettono, commentano gli snodi narrativi ed emotivi, e che, nonostante il rischio di sacrificare in approfondimento alcuni personaggi, sono fondamentali per scolpire l’identità di questo potente affresco. Inoltre, si integrano perfettamente una struttura fortemente verticale, fatta di episodi tematici o dedicati ad approfondire singoli personaggi, e un discorso unitario e impietoso condotto a livello orizzontale, che fa emergere, in un modo che rifugge qualsiasi semplificazione, quanto profonde e ramificate siano le radici del razzismo sistemico americano, quanto la storia degli Stati Uniti e i suoi sviluppi sociali siano invischiati nel suprematismo bianco, nello schiavismo e nelle loro conseguenze, quanto qualunque tentativo di edulcorare e riscrivere siano dolorosi e inaccettabili. 

La ferrovia sotterranea [The Underground Railroad, USA 2021] IDEATORI Jihan Crowther, Barry Jenkins (dall’omonimo romanzo di Colson Whitehead).
CAST Thuso Mbedu, Aaron Pierre, Joel Edgerton, Peter Mullan, Chase Dillon, William Jackson Harper, Damon Herriman, Lily Rabe, Mychal-Bella Bowman.
Ucronìa, durata 60 minuti (episodio), miniserie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly