adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Unorthodox

venerdì 31 Luglio, 2020 | di Chiara Checcaglini
Unorthodox
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Riprendersi

Ispirata alla vita di Deborah Feldman, da lei raccontata nel libro Ex ortodossa – Il rifiuto scandaloso delle mie radici chassidiche, la miniserie Netflix Unorthodox è la storia di una decisione, e della capacità di indossarne il peso, le conseguenze, le implicazioni: quella di Esty, diciannovenne ebrea, appartenente alla rigida comunità chassidica di Satmar – dal nome della città ungherese di origine -, formata a Williamsburg, Brooklyn, dai sopravvissuti all’Olocausto arrivati a New York, dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Un giorno Esty sceglie di abbandonare il marito, la famiglia e la propria comunità, l’unica realtà che ha mai conosciuto, in cerca di una nuova vita a Berlino. Iniziando con la fuga segreta di Esty e le immediate conseguenze sulla famiglia, la serie si prende del tempo per contestualizzare dettagliatamente le azioni della protagonista e sottolineare cosa significa una scelta del genere, all’interno della comunità di Williamsburg, perché ogni novità che sembra banale, come entrare in un bar o cambiarsi i vestiti, può avere il potere di una deflagrazione.

Gli episodi proseguono, alternando il presente in Germania a flashback in ordine cronologico, che raccontano le regole, le aspettative, i rituali di una vita comunitaria fondata su un’interpretazione estremamente rigida dell’ebraismo: in particolare, sono centrali il matrimonio combinato con Yanky, di buona famiglia – mentre quella di Esty è già segnata dallo scandalo -, e le pressioni autoritarie esercitate su Esty, sulla sua identità e sul suo corpo, considerati esclusivamente in relazione al dovere di invisibilizzarsi dal punto di vista sociale e di generare rapidamente dei figli.
Girata interamente in Germania, la serie sfrutta al meglio le ambientazioni, i costumi, gli attori – soprattutto la straordinaria Shira Haas – per creare un discorso coerente, sia negli aspetti visivi e formali che in quelli narrativi e di contenuto. L’ampio utilizzo dello yiddish aggiunge un ulteriore livello di distanza, ma, al tempo stesso, conferisce a una lingua quasi dimenticata la vitalità quotidiana dell’espressione parlata. Il viaggio è quello di Esty, i suoi desideri e la sua capacità d’azione rimangono sempre centrali; tuttavia, emerge anche il ritratto sfaccettato del marito Yanky, un uomo completamente disorientato e non attrezzato al mondo esterno, e l’aggressività da gangster movie mediocre di Moishe, che si sbriciola e rivela la sua inconsistenza, di fronte alla potenza del desiderio di Esty. Per evidenti esigenze di compattezza narrativa, la progressione di azioni e conseguenze appare talvolta rapida, soprattutto nella parte berlinese, dove ai personaggi locali è riservato meno spessore. Ma, dati i pochi episodi, appare chiara l’esigenza di ricorrere a opposizioni forti e simboliche, con l’intento di sottolineare un contrasto narrativo – il prima e il dopo, la chiusura e l’apertura all’esterno, che si presenta subito come diverso, diversificato e pieno di possibilità – e ideologico, due modalità opposte di elaborazione dello stesso trauma: una vita contrita nella continua memoria del dolore, da un lato, la levità di una mescolanza di culture ed esperienze dall’altro.

Unorthodox [id., USA/Germania, 2020] IDEATRICI Anna Winger, Alexa Karolinski (dal romanzo Ex ortodossa – Il rifiuto scandaloso delle mie radici chassidiche di Deborah Feldman).
CAST Shira Haas, Amit Rahav, Jeff Wilbusch, Alex Reid, Ronit Asheri, Gera Sandler, Dina Doron.
Drama, durata 50 minuti (episodio), miniserie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly