adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Case 39

venerdì 22 Aprile, 2011 | di Mattia Filigoi
Case 39
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

DVD – USA 2009

Mai fidarsi di pallide bambine dai capelli corvini
Se spesso si punta il dito contro la distribuzione italiana per sviste clamorose e scelte discutibili, questa volta non possiamo che ringraziare per la non-visione nelle sale italiche di Case 39, ridicolo thriller orrorofico diretto dal giovane Christian Alvart.

L’assistente sociale Renee Zellweger salva una ragazzina – il suo trentanovesimo caso – proprio mentre i genitori stanno per arrostirla viva nel forno di casa. Decide quindi di occuparsi personalmente della giovane, offrendole ospitalità nella propria casa, ma ben presto si rende conto di aver fatto un grosso errore: la bimbetta tanto carina e gentile è un demone che si nutre di emozioni. Mentre vari personaggi trovano la morte o scompaiono tra un buco di sceneggiatura e l’altro, l’imbolsita Renee studia una strategia per liberarsi del mostro: ce la farà? Chi conosce i precedenti film di Alvart sa già la risposta, data la sua passione per gli happy ending ipocriti e alquanto moraleggianti…
Tralasciando i finali, è comunque possibile abbozzare un percorso autoriale nell’opera di Alvart, seguendo la sua tematica preferita: la riflessione sul Male e sulla malvagità tout-court. Sparute tracce si possono ritrovare nel fantascientifico Pandorum – L’universo parallelo (2009), unico dei suoi film a trovare un posticino nelle sale nostrane, dove un banale discorso sul crollo della morale a favore della mera sopravvivenza annega in un mare di pessime scene d’azione. Più interessante invece è Antibodies (2005), misconosciuto thriller psicologico con più di un debito nei confronti di Seven e Il silenzio degli innocenti, nel quale un serial killer pederasta riesce a traviare moralmente un innocente poliziotto di campagna, prima di un finale a tarallucci e vino che in due secondi smonta un originale discorso sul Male visto come malattia psicologica facilmente trasmettibile.
La trasmissione del Male fa da sfondo anche a Case 39, nella figura della bambina-demonio che passa di famiglia in famiglia diffondendo la sua malvagità, ma la cosa è solo abbozzata in una sceneggiatura schematica, che tratteggia personaggi inconsistenti se non fastidiosi e risolve ogni dialogo con una battuta da “Bacio Perugina”. Alvart sfrutta tutti i trucchetti possibili – spesso ingannando lo spettatore – per ritardare la scoperta del lato malefico della bambina, ma questa, presa di peso dall’iconografia dei più recenti horror asiatici, con il suo pallore e i lunghi capelli corvini, è inquietante fin dalla sua prima entrata in scena.
Case 39 è uno di quei film in cui lo spettatore prega che tutti i personaggi facciano una fine tremenda il più presto possibile, ma riesce a deludere anche su questo versante: manca del tutto il gore, e le tre-quattro scene di orrore sembrano girate tanto per fare metraggio e giustificare l’uso di squallidi effetti digitali, totalmente fini a se stessi. Il ritmo è assente, tutto sembra fasullo e posticcio, l’aria che si respira è quella di un “buona la prima”, e arrivare alla fine diventa faticoso anche per lo spettatore più propenso.
Un film indifendibile, ma chiunque voglia farsi del male sappia che Case 39 è disponibile in dvd. Uomo avvisato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly