adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Freaks

lunedì 9 Maggio, 2011 | di Lisa Cecconi
Freaks
Media
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

I Nuovi Mostri contagiano la rete
Magari li avete già incontrati. Forse, navigando incautamente nel mare magnum del web, vi siete imbattuti in loro senza preavviso. Oppure ne avete intravisto uno, in una qualche forma, addentrandovi intrepidi “giù per il tubo”. Qualcuno, ci scommetto, sarà scappato urlando.

Poi, però, ne avete percepito le voci nell’aere radiofonico e il loro ghigno vi ha sorriso sornione dalle pagine di qualche bizzarra rivista e, allora, avete dovuto farci i conti. Nessuno può sfuggire ai Freaks.
I cinque ragazzi di Roma, protagonisti della serie web che in pochi giorni ha collezionato centinaia di migliaia di visualizzazioni, si sono imposti sulla scena mediatica con la fulmineità propria dei fenomeni. E tali, a ben vedere, alcuni erano già, in qualità di vlogger tra i più seguiti e  quotati su YouTube. Se i nomi di Willwoosh, NonApriteQuestoTubo, Canesecco, CicciaSan e About Wayne non vi dicono niente attivate il motore di ricerca e scoprirete un mondo, fatto di iniziativa, un certo talento e tanta, tanta faccia tosta.
Al pari dei sempre più numerosi blog, i canali YouTube si sono affermati come spazi personalizzabili e riconoscibili di espressione e condivisione il cui uso ha raggiunto, come in questi casi, un certo livello di maturità, tanto da poterne individuare alcuni codici di linguaggio peculiari. La riproposizione di generi come la parodia o la pantomima, intervallate da titoli, espedienti grafici e, soprattutto, dalle performance dei vlogger, in funzione di commento o di filo conduttore, costituisce ormai uno schema ricorrente, di volta in volta arricchito e reinterpretato secondo il gusto personale. Si tratta di esperimenti che non di rado obbediscono già a un principio di serialità: che si tratti delle parodie di film seriali (come nel caso di Twilight) o di piccoli interventi a tema, magari secondo la sempre vincente logica del ”How to…”, lo scopo dei video postati resta comunque quello di creare un pubblico fidelizzato con cui confrontarsi e interagire, nello specifico attraverso i commenti.
Con Freaks i beniamini del vlog compiono un passo ulteriore, cimentandosi nella realizzazione di una vera e propria serie pensata appositamente per la rete e ispirata a serial di successo come Misfits, Heroes e Buffy. Il tema – cinque giovani romani alle prese con inediti superpoteri e quattro mesi di comune amnesia – richiama da vicino i format cui dichiaratamente attinge, rielaborandoli, tuttavia, in forme inedite. I personaggi incarnano singolari casi di umanità che da sola basterebbe a renderli “freaks”, al di là dei poteri, comunque stravaganti: a partire da Marco (Guglielmo Scilla), nerd insicuro capace di viaggi dimensionali attivati dai propri orgasmi, per finire con l’introversa Giulia (Ilaria Gianchi) che acquisisce forza bevendo il sangue altrui, non succhiandolo con sensuali canini ma assestando morsi degni di uno zombie.
L’idea, di Claudio di Biagio /NonApriteQuestoTubo, si è diffusa rapidamente sul web attirando nel progetto collaboratori professionisti disposti a contribuire gratuitamente alla sua messa a punto. La regia, affidata a Matteo Bruno/Canesecco (al pari della fotografia e del montaggio), si avvale di una fotocamera, una giraffa e pochi altri mezzi di fortuna mentre la società milanese Show Reel supporta l’operazione per quanto riguarda il marketing  e la pubblicità. Il risultato è tuttora “in fieri” (siamo al terzo episodio) e, per quanto acerbo, ambizioso, e ampiamente perfezionabile, profuma di entusiasmo, strategia dal basso e voglia di sperimentare. Ce ne fossero di simili “mostruosità”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly