adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Walking Dead – Season 1

giovedì 20 Ottobre, 2011 | di Daniel Paone
The Walking Dead – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Una nuova alba
Dopo una prima stagione accolta positivamente da critica e pubblico, è ripartita The Walking Dead, la serie tv creata da Frank Darabont per l’emittente televisiva AMC.

Il mondo è degli zombie, ma armati di casco (per tagliare l’erba) e mazza da baseball ci battiamo per sopravvivere! Il kit di prima-difesa anti zombie lo possiede ogni casa americana. Tutti conoscono esattamente le tecniche per ucciderli. La familiarità con i morti viventi è in effetti sorprendente negli States, si pensi solo ai numerosissimi saggi, scritti da accademici, che li utilizzano per descrivere il mondo contemporaneo. Nonostante ciò, a fronte di un numero elevato di serie sul paranormale e sui vampiri, salvo un paio di eccezioni, gli zombie non erano ancora arrivati in TV.

Quelli della nuova produzione televisiva di Darabont appartengono al mondo apocalittico creato da Richard Matheson e visti soprattutto nei film di George Romero. Il regista de Le ali della libertà, così come aveva portato sul grande schermo alcuni tra gli scritti più celebri di Stephen King, adatta per la TV la graphic novel di Robert Kirkman dandole un’impronta cinematografica e un buon livello qualitativo nei sei episodi di una prima stagione insolitamente corta, dove è soprattutto il pilot a distinguersi per la pregevole fattura. Come scrivono Arona, Pascarella e Santoro, elogiando la serie in un’interessante analisi politica sul cinema di Romero (L’alba degli zombi, Gargoyle, 2011), “la fortuna di uno zombie movie risiede tutta nella credibilità dei suoi morti viventi e quest’ultima dipende da un make up equilibrato tra gore e splatter e nella abilità degli attori a rendere mimicamente l’assenza di vita nel movimento senza cadere nel grottesco o, peggio, nel ridicolo.” The Walking Dead riesce in tutto ciò in modo eccellente. La rappresentazione dei morti viventi è uno dei grandi pregi della serie che sa restituire agli spettatori la figura dello zombie “classico”, romeriano, lento, sbudellato, maleodorante, letale e senza coscienza, totale nemesi dell’umano. Altro merito è mettere da parte l’abusato splatter-horror del recente cinema degli zombie e, come fu per i film di Romero, attingere piuttosto da tutto il loro potenziale simbolico. Darabont lo fa raccontando l’umana lotta per la sopravvivenza, con l’ottima intuizione di girare un road movie a ritmo sostenuto, carico di suspense e azione. E’ la fuga di alcuni superstiti che si spostano da Atlanta nel vano tentativo di trovare luoghi sicuri e magari altri sopravvissuti con cui poter organizzare una resistenza. A guidarli è l’agente Rick Grimes (Andrew Lincoln). La sua divisa, fieramente ostentata, è quel che resta della legge. Ferito in servizio, prima dell’alba dei morti viventi, si risveglia in ospedale circondato da cadaveri e “walkers” oramai dappertutto, come ne Il giorno dei trifidi e 28 giorni dopo. Dopo aver ritrovato la famiglia e il suo ex collega, il compito più arduo sarà  mantenere viva una speranza di salvezza che sembra una chimera per un gruppo esiguo e disunito.
Li abbiamo lasciati in fuga e ora attendiamo di vedere che sviluppi avrà la seconda stagione. Tante le strade percorribili: qualche buon personaggio di cui si sono perse le tracce potrebbe tornare utile, l’azione frenetica dei primi episodi lasciar spazio ad una riflessione filosofico-esistenziale, per ora trattata in modo del tutto marginale. Certo ci sarà bisogno di tenere alta la tensione, di dialoghi più convincenti e di dare spessore ai personaggi secondari. Soprattutto loro soffrono della solita mediocrità con cui vengono caratterizzati. Per ora, non sono più che un afroamericano, un coreano e due bionde di cui nessuno ricorda il nome. Se non saliranno alla ribalta, alla lunga e al raddoppiare degli episodi – tredici quelli della seconda stagione – il rischio di indebolire irrimediabilmente la serie è concreto.

The Walking Dead [id., USA 2011] IDEATORI Frank Darabont (dal fumetto di Robert Kirkman).
CAST Andrew Lincoln, Norman Reedus, Chandler Riggs, Melissa McBride, Steven Yeun.
Horror, durata 42 minuti (episodio), stagione 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly