adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mother and Child

giovedì 15 Dicembre, 2011 | di Lisa Cecconi
Mother and Child
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

USA, 2010

Father and son
“Si umanizzò nella solitudine” scriveva Gabriel García Márquez nella sua opera più celebre. Il cinema del figlio, Rodrigo García, risplende in parte della stessa pietas: il decorso innato delle anime sole, inevitabilmente intente a tracimare dighe di ostinato isolamento, permea in toto la sua poetica.

Regista e sceneggiatore di film di successo, attivo tanto nel cinema quanto in televisione (suoi alcuni episodi de I Soprano, Carnivàle e Six Feet Under) García può ben vantare un’insolita coerenza. Tre su quattro dei film che ha all’attivo rivendicano un paradigma fieramente corale e una declinazione che non contempla il maschile. Al pari dell’esordio, Le cose che so di lei, e del successivo 9 vite da donna, è essenzialmente un film di donne. Donne complesse e volitive, come quelle paterne, e, come quelle, intimamente ferite, corrose da un’aridità latente che lotta per vincerle senza riuscirvi. Gli uomini, certo, compaiono. E denotano anch’essi una profondità, un alone taciuto di vita interiore. Ma nel mondo di queste donne, quello arcaico e istintuale del legame materno, essi non cercano e non hanno accesso, se non quando sviluppano la più femminile delle qualità intuitive: l’empatia.

Selezionato dal Sundance nel 2009 e presentato in numerose altri festival, tra cui Toronto e Berlino, Mother and Child è uscito in Italia soltanto quest’anno, nel DVD curato da DNC Enterteinment. E’ una disattenzione immeritata, non tanto per i nomi che costellano cast and credits – da Naomi Watts a Samuel L. Jackson, da  Annette Bening a Jimmy Smits, senza contare Alejandro G. Iñàrritu in veste di produttore – quanto per la profondità con cui riflette sull’archetipo materno contravvenendone al contempo i luoghi comuni. Ogni donna, nel film, è madre o figlia, o tutte e due. A legarle è una trama sottile di adozioni e di parti cercati o negati, di madri anaffettive o ingombranti, di figlie trincerate in fortezze di orgoglio. Del rapporto tra le une e le altre García esplora con encomiabile realismo tutta la trascurata ambiguità. Quella tra una necessità di amore atavico e indispensabile e l’inconfessabile senso di colpa, di fronte a un percorso che tutti si affrettano a chiamare naturale ma che, immancabilmente, coglie fragili e impreparate.

Torna la Los Angeles dei film precedenti, appena intravista in scorci e appartamenti, così come le figure e i temi che si affacciavano nell’esordio: l’insoddisfazione che si cela dietro la carriera o la cura degli altri, l’irrinunciabile dovere di reagire energicamente, il richiamo irresistibile delle radici. La regia procede per sottrazione, inanellando quadri antropocentrici e tuttavia spogliati di ogni patetismo. Le angosce, abilmente performate, si tingono di dolorosa familiarità grazie alla consueta ritualità dei gesti, al minimalismo di ambienti quotidiani e ai toni sommessi della fotografia. Ma nessuna scelta è casuale e, per quanto discreta, indirizza l’emozione accompagnandola pazientemente, frammento dopo frammento, fino al pianosequenza finale, che tira le fila di un evolvere meritato e lungamente atteso. Scriveva Gabriel García Márquez: “Gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, ma la vita li costringe ancora molte altre volte a partorirsi da sé.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly