adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Yellow Handkerchief

giovedì 1 Marzo, 2012 | di Lisa Cecconi
The Yellow Handkerchief
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

INEDITO; USA 2008

Dopo la tempesta
Brett, Gordy e Martine condividono tutto. Stessa auto, stessi motel, stessa camera da letto. Ma non sono una famiglia e nemmeno amici intimi. In realtà non si conoscono affatto. The Yellow Handkerchief, quarto film di Udayan Prasad, è il viaggio on the road di tre sconosciuti.

Ognuno sa degli altri soltanto l’evidenza: Gordy sa che Martine è bellissima, lei sa che Gordy è uno sfigato e nessuno sa niente di Brett. Non sanno, ad esempio, che è appena uscito da sei anni di carcere. Perché ci sia entrato non lo sappiamo neanche noi.
La convivenza estemporanea di due adolescenti e un ex galeotto non è l’unico fattore tensiogeno per questo road movie inedito in Italia e ora disponibile su YouTube. Il fil rouge dei ricordi di Brett, stralci di immagini e conversazioni, è un puzzle di indizi sul crimine commesso frapposto a sprazzi di vita presente. Tutta la sua vita non sono che frammenti, così come i collage fotografici di Gondry o gli accenni di danza di Martine. Lungo l’asfalto della Louisiana post Katrina quelle che viaggiano sono esistenze a pezzi.
Prasad le sprofonda in un film liquido, dove il passato trabocca per osmosi e l’acqua si svela presenza costante. La fotografia imbattibile di Chris Menges ne esalta e diffonde i colori vividi avvolgendoli di un allure indeterminato. Vertice involontario di un triangolo ambiguo, tra l’ammirazione scettica di Gordy e le sfuggenti avances di Martine, Brett è costretto a scegliersi un ruolo, riacquistando i contorni di un’identità. È William Hurt a renderla credibile senza perdere un grammo di intensità, nonostante le falle di una scrittura non sempre ispirata e convincente. La stessa sottile incoerenza vizia i personaggi di Eddie Redmayne e Kristen Stewart – al tempo delle riprese ancora immune dall’orda di Twilight – ma le performance di entrambi compensano crepe comunque perdonabili.
Nel viaggio inconsapevole verso un ritorno a casa, nel recupero inatteso di un obiettivo la possibilità di una rinascita è un principio rassicurante nel quale il film vuole assolutamente credere, magari a costo di qualche clichè. Una rinascita che passa necessariamente dalla reciproca fiducia, in cui l’unico modo per ritrovarsi integri è vedersi riflessi negli occhi dell’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly