adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Avengers

lunedì 30 Aprile, 2012 | di Lisa Cecconi
The Avengers
Speciale
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

We can be (super)heroes
“I Vendicatori. Ci facciamo chiamare così…” confessa un Iron Man un po’ imbarazzato. Loki (Tom Hiddleston), l’infido Dio della menzogna, ha sferrato il suo attacco alla Terra e per tutta risposta lo S.H.I.E.L.D. di Nick Fury (Samuel L. Jackson) ha assembrato una squadra davvero eccezionale.

Annunciato fin dal 2005 da Paramount e Marvel Studios, pregustato a suon di feticci disseminati nei film precedenti, The Avengers ha superato ben più di un’ aspettativa quasi decennale. Accanto alla sfida della sintesi tra i beniamini Marvel già apparsi in sala, il crossover firmato Joss Whedon ha accolto anche quella, altrettanto insidiosa, di fare il punto sul loro revival. La mole del materiale adattabile al grande schermo – peraltro già predisposto a uno sfruttamento di tipo seriale – non basta a spiegare il recente successo del cinema tratto da fumetti. Il vantaggio di investire in blockbuster ad alto potenziale attrattivo e di formule produttive ricorrenti si scontra con il rischio di offrire al pubblico un immaginario non proprio attuale.
In che modo il supereroe Marvel, tipicamente aitante e forzuto si è fatto posto nel mondo mutevole degli eroi elastici e cerebrali inaugurati dal Neo di Matrix?
L’attualità del supereroe è appunto il dilemma di Captain America (Chris Evans) che, ibernato per 70 anni e rivestito di nazionalismo, è il simbolo più eclatante dell’obsolescenza. La forza del film sta nel confinare al suo personaggio il disagio dello scarto generazionale, insistendo nel confronto ironico con il restyling degli altri membri. Definito più volte “vintage” per non dire démodé, il povero Steve Rogers si trova a far fronte a compagni con ben altro appeal: se Iron Man (Robert Downey Jr.) si riconosce in “un miliardario playboy filantropo”, è soprattutto alla sua verve comica e all’apparato ultratecnologico che deve il suo indice di gradimento; Thor (Chris Hemsworth) è più epico che superato – e il linguaggio altisonante è stato già fonte di ilarità – mentre la sovietica Vedova Nera (Scarlett Johansson) ha dalla sua un’avvenenza immortale. Che dire di Hulk (Mark Ruffalo) e di Occhio di Falco (Jeremy Renner)? Se quest’ultimo, in versione Ultimate, unisce alla tecnologia il fascino medievale dell’arco, perfettamente in linea con la riscoperta estetica fantasy di probabile influenza world-of-warcraftiana (più che al Legolas citato nel film si pensi al “balestrato” Daryl di The Walking Dead), il primo esprime al meglio la schizofrenia dell’eroe contemporaneo, intrappolato tra una vita da nerd e la repressione di una rabbia esplosiva. Arruolato per le sue doti intellettuali, deve alla forza cieca del suo mostruoso alter ego la risoluzione del conflitto finale.
Ad accrescere il coinvolgimento è inoltre la collaudata retorica di squadra. Quello degli Avengers è un team a tutti gli effetti, con tanto di attriti, sconfitte e discorso del coach ma al contempo le scelte individuali si rivelano indispensabili, e a fare da motore, più che gli ideali astratti, sono motivazioni e ferite personali.
Whedon si destreggia da esperto del settore, usando il dettaglio come una promessa, con oggetti- feticcio che anticipano i “super”, e imbastendo godibili scene d’azione che li comprendono senza mischiarli. Non manca l’omaggio alla figura del fan, affidato a Phil Coulson (Clark Gregg) e alle sue figurine. È in suo onore che l’improbabile unità di/in crisi alla fine funziona. In virtù di chi ci crede si può (ancora) essere eroi.

One Comment

  1. Pingback: Top Ten 2012: le singole classifiche - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly