adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Flowers of War

mercoledì 31 Ottobre, 2012 | di Lisa Cecconi
The Flowers of War
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

INEDITO – CINA 2011

Quando l’abito fa il monaco
“Mi dispiace, non sono i miei vestiti” si scusa Yu Mo nella sola parentesi d’amore che si concede con John Miller. Non lo sono perché Mo è una prostituta e quelli che ha indosso sono abiti da educanda. Non si tratta di un gioco erotico ma di un terribile sacrificio.

E’ il 1937, Nanchino è invasa dai giapponesi e un drappello di soldati ha intenzione di sequestrare dodici ragazzine rifugiate in una chiesa. A proteggerle, solo un bambino, un falso prete occidentale e dodici donne del quartiere delle lanterne rosse. Per il suo ultimo film Zhang Yìmóu torna a esplorare la tragica invasione della Cina affrontata agli esordi con Sorgo Rosso (1987). Il massacro che costò la vita a 300.000 civili si riversa in The Flowers of War con una copiosa sfilata di morte. Tra la polvere che tutto ricopre, a partire dal protagonista, e i cadaveri stipati in massa ai bordi delle strade, la linea è sottile tra eroismo ed egoismo e la scelta questione di istanti. Non è un caso che l’intera opera si regga su continui cambi d’abito che alludono ad altrettante perdite e sostituzioni d’identità. John ne è l’esempio lampante.The_Flowers-of-War-2 Giunto alla chiesa in abiti civili, indossa i panni del prete scomparso, prima per sedurre l’affascinante Mo, poi per salvarsi e, infine, per salvare. Altrettanto accadrà alle prostitute quando, in una delle scene più riuscite, John – che di solito prepara i cadaveri per la sepoltura – le trucca per renderle simili alle fanciulle, ridonando loro l’infanzia perduta in un rituale comunque pre-mortem. Il cambio d’abito assume dunque la funzione di una sorta di inconsapevole iniziazione, dal valore fortemente simbolico. All’apparenza corrisponde l’essenza e osservare – o spiare – significa comprendere. Il simbolismo attraversa peraltro tutto il film alternandosi al realismo brutale delle atrocità compiute dai giapponesi. Il risultato è un affresco potente, articolato in immagini suggestive e in scene d’azione complesse ed efficaci. La tensione abilmente restituita e il crescente eroismo dei personaggi considerati “perduti” compongono un quadro che indigna e commuove, indipendentemente dai toni della colonna sonora, a tratti fin troppo calcata sul patetico. Molti sono i film che l’opera richiama, da Il gran lupo chiama di Ralph Nelson (1964) a City of Life and Death di Lu Chuan (2009) passando per Schindler’s List. Ma il regista de La città proibita e La foresta dei pugnali volanti trova la strada per un punto di vista insolito che si avvale del talento di Christian Bale e di una Ni Ni dal volto di porcellana.

The Flowers of War [Id., Cina 2011], REGIA Zhang Yìmóu.
CAST Christian Bale, Ni Ni, Zhang Xinyi, Tong Dawei.
SCENEGGIATURA Heng Liu. FOTOGRAFIA Xiaoding Zhao. MUSICHE Qigang Chen.
Drammatico, durata 141 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly