adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Master

sabato 5 gennaio, 2013 | di Alice Cucchetti
The Master
Speciale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Come l’acqua
Sorridi all’obiettivo. Mettiti in posa. La messa in piega, il vestito della festa. I colori pastello, spennellati sopra quel che resta della guerra. Sorridi. Mangia, prega, ama. Produci, consuma, crepa. Flash.

Paul Thomas Anderson ci tiene a dire che The Master non è un film sull’America, ma il racconto di un incontro, di due personaggi opposti e complementari, della ricerca di un senso che abbia senso dentro un mondo senza senso. Ha ragione, Paul Thomas Anderson: Lancaster Dodd e Freddie Quall si stagliano titanici sullo sfondo di una pellicola immensa,the_master3a strabordano dallo schermo, speculari ma non simmetrici, antitetici ma non (sempre) in contrasto. Il primo viaggia sul limite sdrucciolevole che divide i visionari dai folli, i maghi dai ciarlatani: piacevole, accogliente, affascinante, sottilmente inquietante; il secondo si agita irrequieto, animalesco, carnale e violentissimo, cicatrice vivente ricucita alla bell’e meglio sopra traumi troppo profondi per un’unica vita. Il primo è colto e sinuoso, il secondo ignorante e spigoloso, e i due giganteschi interpreti sembrano mangiarsi voracemente tutto il resto – Hoffman placidamente adagiato nel (suo) voluttuoso e pericoloso Sogno Americano, Phoenix rattrappito in una postura rigida e scomposta, corpo deformato dal peso del circostante, parlata arroventata, esplosione continua. The Master si arrampica su questi due pilastri, detta i tempi sui loro ritmi, inchioda lo spettatore con botta e risposta senza respiro tra maestro e allievo, si dilata sulle cadenze del loro rapporto in costruzione e/o opposizione. Un rapporto sbilanciato, dove un padre/padrone affettuoso e spietato mette il guinzaglio a un figlio/bestia orfano di tutto, per ridurlo a dimostrazione dei propri teoremi. The Master è la storia di una sopraffazione, individuale e collettiva. La storia di un’esigenza primaria come l’ossigeno, cioè quella di una spiegazione a cui credere disperatamente per non naufragare nell’abisso del nulla, quando infilarsi negli abiti prestabiliti dall’ordine delle cose toglie il respiro fino al soffocamento. La storia di come, annaspando nel vortice di vuoto, ci si afferri agli altri per restare a galla, a volte spingendoli sotto le onde. The Master è una storia d’amore, rabbioso, crudele, lancinante e impossibile. Una storia di traumi irrisolti, e dunque la storia dell’America, nazione che su traumi irrisolti si forma, di traumi irrisolti si nutre. Nazione di Padri pellegrini, plagiata dalla Madre patria. Lo dicono le immagini di forza kubrickiana, immacolate e terse, potentissime e dense, cartoline anni ’50 di un benessere che non serve, che non basta, che non risponde, movimenti di macchina avvolgenti e implacabili che non lasciano scampo. Lo dice la colonna sonora, ipnotica e dissonante, che applica su di noi la cura regressiva di Lancaster Dodd, affondandoci sempre più giù, levandoci il fiato. Lo dice l’acqua, che scorre, ricorre, cancella, modella, perdona, dimentica, asfissia, brucia. Illude di una pace (im)possibile. Consuma, consola. Flash.

The Master [Id., USA 2012], REGIA Paul Thomas Anderson.
CAST Joaquin Phoenix, Philip Seymour Hoffman, Amy Adams, Laura Dern.
SCENEGGIATURA Paul Thomas Anderson. FOTOGRAFIA Mihai Malaimare Jr. MUSICHE Jonny Greenwood.
Drammatico, durata 144 minuti.

The Master
4.3 4 85%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly