adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Eurovision Song Contest 2013

mercoledì 22 Maggio, 2013 | di Martina Bigotto
Eurovision Song Contest 2013
TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Quando la musica diventa il collante di un continente intero
È calato soltanto da qualche giorno il sipario sulla 58a edizione dell’Eurovision, eppure se chiedessimo a qualcuno preso a caso d’intonare il brano vincitore – che per la cronaca è quello danese di Emmelie De Forest – probabilmente non sarebbe in grado di farlo.

La colpa di questa amnesia a caldo, comparsa a poche ore dalla finale persino tra chi l’ha seguita in tv con attenzione, forse non è imputabile solo a una distratta platea. Il ritorno dei concorrenti italiani sul palco ha finalmente decretato il ripristino della manifestazione nel palinsesto nazionale: ma nonostante il gran finale sia stato trasmesso per il secondo anno consecutivo live addirittura su Rai2,mediacritica_eurovision_song_contest_290 l’entusiasmo di tv e radio è stato abbastanza tiepido. L’attenzione si è doverosamente soppesata maggiormente sul vincitore di Sanremo che aveva l’onore di rappresentarci nella gara ma per il resto, nonostante anche quest’anno il livello artistico-musicale fosse buono, degli interpreti della kermesse europea si è vagamente accennato. Scarsamente probabile quindi che i loro brani entrino nelle nostre scalette radiofoniche, anche se ciò significherebbe trasmettere pure le recenti fatiche musicali di glorie internazionali del calibro di Bonnie Tyler. D’altro canto, sebbene l’intenzione dei creatori nel 1956 fosse di utilizzare la musica per riunire il continente europeo reduce dalla guerra, lo show era ed è in primis televisivo. Lo dimostrano le variegate e talvolta stravaganti soluzioni coreografiche proposte: Malta ha deciso di puntare tutto sulla simpatia del cantante, Mengoni ha voluto incarnare letteralmente l’essenza del brano ed è salito da solo sul palco ma c’è chi invece ha puntato tutto sulla messa in scena. Il pubblico ha apprezzato la schiettezza nostrana dei performer greci, però non è un caso se ad aggiudicarsi il podio alla fine sono stati proprio i concorrenti che più hanno investito sulla coreografia e cantato in inglese. La strampalata gonna moldava o il gigante buono dell’esibizione ucraina – simpaticamente canzonati dal trio Ardemagni/Solibello/Lusenti che ci ha intrattenuto con una divertente telecronaca stile Gialappa’s Band – ne sono buoni esempi. Dietro alle paillettes e all’illusione di un’atmosfera bonaria degna del mitico Giochi senza frontiere ciò che comunque si è percepito è una sorta di alleanza, specie nelle votazioni, tra gli stati del nord, che tanto ricorda quell’Europa a due velocità che a detta di molti si celerebbe dietro alle problematiche politico-economiche e all’austerity. Del resto, visti i sospetti di plagio musicale, compravendita dei televoti, provocazioni volutamente celate nelle performace pare che neanche questa gara sia del tutto estranea alle polemiche. L’edizione di Baku verrà ricordata come una delle più sfarzose, ma i siparietti cabarettistici dell’inaspettatamente istrionica Mede, le belle scenografie e gli effetti speciali scaltramente calibrati per sottolineare visivamente le atmosfere infuse dalle canzoni fanno sì che lo show della Malmö Arena non sfiguri certamente. Merito anche dei vorticosi stacchi tra i primissimi piani sul palco e le suggestive riprese grandangolari sull’emozionato pubblico presente che hanno intrattenuto senza mai annoiare chi stava a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly