adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Labyrinth – Dove tutto è possibile (1986)

sabato 14 Dicembre, 2013 | di Alice Cucchetti
Labyrinth – Dove tutto è possibile (1986)
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CINEMA FANTASY
Labirinto di passioni
Tutti i bambini, tranne uno, crescono. L’unico indenne alla malattia della maturazione si chiama Peter, non Sarah. A lui è intitolata una sindrome per nulla lusinghiera, mentre lei è la protagonista di un indimenticabile cult anni ‘80.

Quindici anni popolati di pupazzi, libri di fiabe e avventure recitate a memoria, Sarah si aggrappa all’infanzia con le unghie e con i denti. Un territorio di magia dorata, nel quale è facile perdersi, come nel campo di papaveri de Il mago di Oz. Un labirinto di vicoli, trabocchetti e specchi che si sbarazza della logica come un quadro di mediacritica_labyrinth1aEscher. «Attenta a quel che desideri perché potrebbe avverarsi» è un detto antico e banale, ma infallibile: sparisce il fratellino piagnucoloso, e Sarah si ritrova catapultata dentro quello stesso mondo incantato in cui desiderava giocare indisturbata. Infido, pericoloso, affascinante e irresistibile, esattamente come il suo sovrano, il re degli gnomi Jareth (il volto perfettamente aderente di David Bowie nel passaggio tra fuori e dentro lo schermo non deve neppure cambiare i panni del suo personaggio divistico). Se Labyrinth è un cult per più di una generazione (ma forse l’imprinting è maggiore su chi era bimbo negli anni ‘80), la ragione è molteplice: diretto dal papà dei Muppet Jim Hanson, scritto da Terry Jones dei Monty Python e prodotto da George Lucas, vive di artigianalità tangibile nell’universo di gommapiuma e peluche che si dispiega sullo schermo; i mostriciattoli che accompagnano Sarah sul suo personale viale dei mattoni gialli sono della stessa sostanza di cui erano fatti i giocattoli che non avremmo voluto togliere dai nostri scaffali. Questo paese delle meraviglie è (proprio come quello di Lewis Carroll) per nulla rassicurante, ma intessuto d’indovinelli, doppi sensi e doppi giochi, misteri nonsense e pericoli inquietanti – come una cameretta di bambini, le fate sul soffitto e uomini neri sotto il letto. E il viaggio dell’eroe è appassionante e coinvolgente, proprio perché la tentazione è reale: al trionfo finale – «tu non hai nessun potere su di me!» è la frase che spezza l’incantesimo, conferendo a una Sarah definitivamente adolescente una piena identità personale, ma anche allontanandola dall’allettante universo fiabesco dell’infanzia – corrisponde anche la malinconia di un’età consegnata per sempre al passato. All’inverso di Spider-Man, è dalla responsabilità (completamente e faticosamente accettata) che deriva il potere: eppure tutti noi, almeno una volta, avremmo voluto accogliere l’invito di Jareth/Bowie e restare a giocare nel labirinto, per sempre, per sempre, per sempre.

Labyrinth – Dove tutto è possibile [Labyrinth, Gran Bretagna/USA 1986] REGIA Jim Hanson.
CAST Jennifer Connelly, David Bowie, Tobby Froud, Shelly Thompson, Shari Weiser.
SCENEGGIATURA Terry Jones. FOTOGRAFIA Alex Thomson. MUSICHE Trevor Jones.
Fantasy, durata 101 minuti.

2 Comments

  1. Elisa says:

    5 stelle!
    (da una bambina negli anni ’80)

  2. marianne renoir says:

    come non innamorarsi dell’ambiguità del re Jareth.. *sospironi*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly