Questa settimana

Full Metal Jacket (1987)

sabato 26 luglio, 2014 | di Eleonora Degrassi
Full Metal Jacket (1987)
Film History
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE STANLEY KUBRICK
Il profumo nauseabondo della Violenza
“Certo vivo in un mondo di merda. Ma sono vivo, e non ho più paura”; questo è il lascito, dichiarazione d’amore e d’intenti, di Jocker, protagonista di Full Metal Jacket di Stanley Kubrick, ispirato al romanzo di Gustav Hasford Nato per uccidere (The Short-Timers, 1979).

L’autore racconta la guerra e la morte, ma anche l’ansiosa, ansiogena e alienante vita degli addestrati di Parris Island, componendo una litania, fatta di percorsi di guerra, corse ed esercizi ginnici, mettendo in scena il suicidio di un’intera generazione pronta a scattare in nome di una bandiera e di una Nazione. Kubrick divide l’opera in due parti: nella prima l’Addestramento del Marine,mediacritica_full_metal_jacket1a cresciuto a suon di violenza, di virilità e di appagamento sessuale, anche solo pensato/immaginato; nella seconda l’Azione Militare, la guerra vera in Vietnam. Il sergente Hartman plasma le sue reclute. Inni, urla, bestialità e svilimento. Gli uomini diventeranno Soldati atti a uccidere. Violenza, morte, sessualità sono strettamente legati, il marine deve essere maschio, virile, arrapante e arrapato: la donna è il fucile, Hartman gli ricorda che è quello l’unico “buco” da riempire. L’arma è anche metafora della forza maschia: il fallo come il fucile, il fucile come il fallo, la galvanizzazione per l’uno si confonde con l’erezione dell’altro. Hartman vuole renderli sempre pronti, ma questo stato è una tortura logorante per il corpo e la mente, e infatti il Piacere, sconfinando nella follia, aumenta tanto da implodere. Dopo l’ultima notte di Parris Island, Full Metal Jacket cambia registro e il rigore maniacale del campo-prigione lascia posto agli esterni, se prima si “giocava” alla guerra, qui si combatte. Simbolo di questo processo è Jocker, pieno di contraddizioni e complessità – parla di guerra e indossa la spilla della pace –, muta nel corso della pellicola – era “Jocker” ma alla fine diventa lui uomo-azione, spietato e freddamente lucido. Si discorsivizza e si mette in scena la psicopatologia della natura umana (gli occhi spiritati di Palla di Lardo), la celebrazione della più gretta e bassa mascolinità (nella violenza si crea il Maschio), la spersonalizzazione totale dell’uomo, svilito in tutti i modi, per costruire un Corpo unico, il cosiddetto Uomo-Massa (il film si apre con una scena eloquente, ai giovani vengono rasati i capelli, le loro identità cadono con essi; i vecchi ragazzi lasciano posto ai futuri Soldati). Kubrick ci regala un film con tematiche simili alle sue pellicole precedenti, ma profondamente diverso (si pensi alla guerra di Orizzonti di gloria): anti-retorico e ironicamente cinico (Marcia di Topolino finale), è un unicum, un’inquietante poema sulla violenza, sulla follia umana, omicida-suicida, che picchia così duro da non darci pace.

Full Metal Jacket [id, USA/Gran Bretagna 1987] REGIA Stanley Kubrick.
CAST Matthew Modine, Ronald Lee Ermery, Adam Baldwin, Vincent D’Onofrio, Peter Edmund.
SCENEGGIATURA Stanley Kubrick, Gustav Hasford, Michael Herr. FOTOGRAFIA Stanley Kubrick. MUSICHE Abigail Mead (Vivian Kubrick).
Guerra/Drammatico, durata 116 minuti.

Full Metal Jacket (1987)
4.78 27 95.56%

3 Comments

  1. Vale says:

    Uno dei migliori Kubrick di sempre!

  2. A most Sir Screen says:

    Dopo “2001…”, il migliore. Capolavoro.

  3. Anonimo says:

    Bellissimo film!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.