adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mad Max: Fury Road

sabato 16 Maggio, 2015 | di Stefano Lalla
Mad Max: Fury Road
In sala
7
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE REBOOT
You can never go fast enough
A distanza di trent’anni dal poco ispirato Oltre la sfera del tuono, tre decenni di inspiegabili pinguini ballerini e maialini coraggiosi, George Miller è tornato alla serie che lo ha reso famoso.

Forse il genere post-apocalittico ha fatto il suo tempo, così come la fobia dei punk cattivi, ma l’idea di una lotta feroce per il carburante è decisamente attuale. Mad Mad: Fury Road riesce a rilanciare il mito del guerriero della strada senza nostalgia, senza ironia, senza stupidaggini postmoderne o autocitazionismo da quattro soldi. Non è poco. Max Rockatansky acquista il volto di Tom Hardy e diventa ancora più laconico, più cinico e più sporco. È un antieroe vittima degli eventi:mediacritica_mad_max_fury_road_290 prima è catturato da un gruppo di predoni motorizzati e ridotto a un “sacco di sangue” (i predoni post-atomici si infervorano bevendo il sangue dei propri prigionieri), poi è costretto di malavoglia a stringere un’alleanza con Furiosa (Charlize Theron) per fuggire sano e salvo da Immortan Joe, il capo dei punk esaltati che li inseguirà per tutta la durata del film. Furiosa è una donna forte che attrae lo sguardo quanto Max e che rivaleggia con lui in quanto a screen time. Non c’è bisogno di dire altro riguardo alla trama del film che si sviluppa in un unico, lunghissimo, inseguimento privo di love story e di spiegoni inutili. È un film fulmineo che parte in medias res e che dispensa informazioni con rapidità e nonchalance, senza timore di confondere parte del pubblico. Mad Max è sinonimo di motori ruggenti, carrozzerie improbabili e stunt da capogiro; Fury Road ripropone la formula aggiornandola alle aspettative e ai ritmi dell’audience odierna e mantenendo un equilibrio perfetto tra meraviglioso e ridicolo, un equilibrio che, purtroppo, si era rotto in Oltre la sfera del tuono. Una nota di merito va agli effetti speciali che sembrano essere, per la gran parte, artigianali. Quando c’è, il digitale non si nota minimamente. Fury Road è un reboot ma potrebbe essere un sequel perché non sappiamo nulla del passato di Max, di cui vediamo solamente alcuni frammenti riguardanti (probabilmente) la morte della famiglia. Il film può essere catalogato come una rivisitazione o un’avventura di Max che si colloca in un universo liquido e dalla cronologia imprecisa. L’unica cosa certa è che Tom Hardy presterà ancora il suo volto a Max, poiché ha appena firmato un contratto per altri tre film ambientati nello stesso universo.

Mad Max: Fury Road [id., USA/Australia 2015] REGIA George Miller.
CAST Tom Hardy, Charlize Theron, Nicholas Hoult, Hugh Keays-Byrne, Megan Gale.
SCENEGGIATURA George Miller, Brendan McCarty, Nick Lathouris. FOTOGRAFIA John Seale. MUSICHE Junkie XL.
Azione/Fantascienza, durata 120 minuti.

7 Comments

  1. Lisliz says:

    Visto ieri e sono completamente d’accordo. Film godibilissimo e stuntmen impressionanti.

  2. JaneLane says:

    nel suo genere, non credo fosse possibile fare un film più perfetto di questo. incredibile.

  3. Harr is on Ford says:

    Film pazzesco, effetti speciali artigianali da urlo. E poi si dice che è inutile lamentarsi di Transformers perché è il futuro… fuffa: questo è il futuro!

  4. Vins says:

    Film assoluto!

  5. Pingback: La terra dei figli - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  6. Pingback: Rick and Morty – Season 3 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  7. Pingback: Supernove digitali su schermi giganti - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly