adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Quei bravi ragazzi (1990)

sabato 10 ottobre, 2015 | di Vincenzo Palermo
Quei bravi ragazzi (1990)
Film History
9
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE ASSASSINI NATI
“Oh yeah, I’m gonna fade away…”

È sull’asse New York-Boston che Scorsese ha irrimediabilmente lasciato la sua “età dell’innocenza”. Con The Departed si chiude l’impetuoso ciclo del vitalismo gangster da lui elaborato, senza contare che anche i “lupi” newyorchesi quotati in borsa mantengono i tratti iconici del criminale bulimico e girino vorticosamente attorno ad un racconto che fa di schizofrenia (godardiana) virtù.

Perché, se The Departed non è altro se non una coazione a ripetere della “Scorsese machine” fitta di temi ricorrenti incasellati in una composizione a mosaico turbolenta, Quei bravi ragazzi, misero Leone d’Argento al Festival di Venezia, ma Oscar meritatissimo allo scriteriato non protagonista Pesci, è all’origine del mito. Quasi del tutto sparita la ritualità nostalgica delle “Main Streets” tra chiese e pistole, la parabola di ascesa e caduta dell’irlandese pentito Henry Hillmediacritica_quei_bravi_ragazzi_290 ha il ritmo ossessivo di una rapsodia estetizzante che compenetra la personale visione del mondo del cineasta cinéphile con la sintassi ipercinetica di un linguaggio visivo saltellante tra ellissi e digressioni. Esasperato dai toni grotteschi e colorato dalle immagini sgargianti, il film rispolvera la lezione cinematografica di Ejzenštejn secondo cui “il cinema, come il teatro, acquista significato solo come forma di violenza”. Col figlio di Little Italy l’efferatezza si fa “gioco empatico” che cattura lo spettatore attraverso il montaggio compulsivo e il classicismo rock della colonna sonora. Non è solo quella delle revolverate in pieno viso e della minuziosa macellazione dei cadaveri, ma anche la spietatezza delle relazioni umane nell’imprevedibile calderone mafioso mezzo irlandese e mezzo italiano. Henry, un incontinente Ray Liotta, mastica la vita senza pensare a nulla, interessato solo ad accumulare denaro e ad appartenere a una famiglia; che sia solo la sua o quella della cosca intera, poco importa. Meglio abbondare. Abbondanza come accumulo chirurgico di scene madri e come godimento estetico che trova l’ebbrezza dello stordimento anche nell’ordinario. Questa è la poderosa macchina-cinema di Scorsese, quasi didattica e intrisa di poesia in Hugo Cabret, spensierata, psicotropa e umoristica in Quei bravi ragazzi. Il film è scandito dalle continue epifanie di Henry, dal primo omicidio all’incontro coi “ragazzi”, dalla prima galera (festeggiata a dovere dal compare Jimmy-De Niro) all’idillio con la futura moglie Karen. Come gli sfreccianti titoli di testa alla maniera di auto in corsa, l’ “inno alla velocità” del maestro è un immenso circolo vizioso a cui è impossibile sottrarsi proprio perché agisce in modo febbrile, come una droga. Ogni controindicazione è inopportuna poiché sarebbero davvero in pochi a non unirsi all’urlo catartico e liberatorio degli Stones: “Oh yeah, I’m gonna fade away”.

Quei bravi ragazzi [Goodfellas, USA 1990] REGIA Martin Scorsese.
CAST Robert De Niro, Ray Liotta, Joe Pesci, Lorraine Bracco, Paul Sorvino.
SCENEGGIATURA Nicholas Pileggi, Martin Scorsese (dal romanzo Il delitto paga bene di Nicholas Pileggi). FOTOGRAFIA Michael Ballhaus. MONTAGGIO James Y. Kwei, Thelma Schoonmaker.
Gangster/Drammatico, durata 145 minuti.

Quei bravi ragazzi (1990)
4.4 55 88.36%

9 Comments

  1. Carol says:

    “inno alla velocità”, azzeccatissimo! Capolavoro assoluto

  2. Marine says:

    Buffo come????? Straordinario Martin

  3. Muesin says:

    Rivisto grazie al vostro consiglio e alla bella recensione. Grazie.

  4. Bernard Tripelli says:

    Film che rimarrà immortale davvero. Ieri sera ho spulciato nel vostro archivio e ho trovato mille perle interessanti. Vi ho segnalato a tanti amici miei!!

  5. Giovanni says:

    Anche io uso spesso i vostri archivi come punto di riferimento nel mondo del cinema. Siete preparati e realizzate sempre dei fantastici speciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly