adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Crimson Peak

sabato 24 Ottobre, 2015 | di Edoardo Peretti
Crimson Peak
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE SPIRITI & FANTASMI
La forza di un’attrice
Può capitare che film non riuscitissimi siano salvati, almeno in parte, dall’ottima prova di uno degli interpreti. Ora, forse è eccessivo definire l’ultima fatica del regista messicano come un film totalmente senza interesse, come vedremo meglio fra qualche riga, ma certamente più che decisiva è stata la prova, ipnotica e magnetica, della straordinaria Jessica Chastain, nel ruolo della luciferina e folle sorella del baronetto protagonista.

Oltre al fatto che dal paragone la pur in parte Mia Wasikowska, protagonista, ne esce ridimensionata, sia come carisma più immediato che come capacità espressive, l’attrice si conferma come una delle interpreti più in forma del momento riuscendo a trasmettere da sola quasi tutto il “male” rappresentato dal film e a creare una certa inquietudine, anche grazie ad un notevole climax interpretativo: dalla recitazione più asciutta della prima parte, efficace nel lanciare indizi e sospetti della sua malvagità, a una più istrionica nel finale in cui la follia scoppia in tutta la sua potenza deleteria. mediacritica_crimson_peak_290La Chastain conferma la sua bravura in un film che non evita il rischio di apparire manierista e calligrafico nel suo approccio con l’iconografia e la narrazione gotica: c’è una buona dose di fascino visivo immediato e latitano il timore e l’inquietudine, così come ben poco è il romanticismo del versante sentimentale. Certamente funzionano i colori accesissimi, l’esaltazione delle scenografie e degli ambienti così come alcune soluzioni di montaggio e di regia che esplicitano ulteriormente la natura fantastica dell’opera: la capacità affabulatoria del regista messicano però, man mano che il film avanza, lascia sempre più spazio al sospetto di assistere a un esercizio di stile un po’ sterile. In questo modo, non vengono approfondite le tematiche più interessanti di fondo – fermo restando che la pecca più grave è quella di creare ben poca paura e timore: il ruolo dei fantasmi come metafora d’altro, i rimandi, per così dire, più “politici” (evidenti quanto, anche in questo caso, rimasti in superficie) e le riflessioni sulla narrazione. Crimson Peak esce così ridimensionato non solo dal paragone con le opere precedenti di Del Toro, ma anche da quello con un film da lui solo prodotto, meno ambizioso e sotto certi aspetti più convenzionale, ma nel complesso più riuscito ed efficace: La madre, quello sì buon esempio di rilettura dei canoni gotici con riflessi intimisti. Crimson Peak assomiglia a un manicaretto ben impiattato e presentato in maniera scenografica, che però non soddisfa davvero il palato. O ad un dolce decorato in maniera fantasiosa ma dal sapore anonimo: in questo caso, Jessica Chastain sarebbe la fragola.

Crimson Peak [Id., USA 2015] REGIA Guillermo Del Toro.
CAST Mia Wasikowska, Tom Hiddleston, Jessica Chastain, Charlie Hunnam, Jim Beaver.
SCENEGGIATURA Guillermo Del Toro, Matthew Robbins. FOTOGRAFIA Dan Laustsen. MUSICHE Fernando Vélazquez.
Horror, durata 119 minuti.

2 Comments

  1. Luca G. says:

    Decisamente d’accordo con te!

  2. Vins says:

    A me non è affatto dispiaciuto. Ammetto di essere poco super partes trattandosi di Del Toro, ma il film è stato affascinante e ipnotico e gli ho perdonato una trama forse troppo convenzionale. Del resto ci ho visto più un’autocelebrazione convinta del suo modello cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly