adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969)

sabato 7 Novembre, 2015 | di Lisa Cecconi
Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE BOND, JAMES BOND
Mi chiamo Bond, non Sean
Nella prima sequenza di Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà, Bond appare di spalle. Il volto in ombra, a bordo della sua Aston Martin DBS. Prima di poterlo guardare in faccia trascorreranno cinque minuti e il motivo è molto semplice: non si tratta di Sean Connery.

George Lazenby, per la prima e ultima volta nei panni dell’Agente 007, impugna il binocolo, individua una magnifica donna sul punto di suicidarsi, viene aggredito mentre la salva e, sconfitti gli avversari, se la vede fuggire davanti. mediacritica_agente_007_al_servizio_segreto_di_sua_maesta_290E a questo punto esclama: “Non era mai successo a quello di prima”. Non manca l’ironia al sesto film della serie, destinato a passare alla storia non soltanto come l’unico di Lazenby, fotomodello australiano scritturato in extremis, dopo che anche Dalton e Roger Moore avevano rifiutato la parte, ma anche per le indubbie qualità rivalutate solo con gli anni. Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà è infatti un film peculiare in molti sensi. In primo luogo, è il solo diretto dall’ottimo Peter Hunt, già montatore eccellente per la serie, qui capace di restituire un ritmo avvincente ed equilibrato, nonostante la componente sentimentale decisamente più marcata rispetto agli altri film. Non bastasse l’idillio tra Bond e Tracy sulle note dell’immortale We Have All The Time in The World di Louis Armstrong, divenuta vero e proprio topos del romanticismo sul grande schermo, Hunt ha dovuto fare i conti con un Bond meno super-oministico e ultra-accessoriato, ma più sensibile e sognatore, dunque più umano e più vulnerabile. Una profondità del personaggio che il regista esplora senza attardarsi, innestandola in un impianto di audace spettacolarità. La straordinaria sequenza della fuga sugli sci, in cui Bond fronteggia la sua nemesi Blofeld, ne è l’esempio emblematico. E proprio il Blofeld di Telly Savalas è forse il personaggio più riuscito, meno mellifluo e aristocratico del solito, ma pur sempre elegante e seduttivo, vero alter ego del protagonista, con il vezzo della sigaretta impugnata in verticale. Una parentesi a parte merita infine la colonna sonora: è John Barry a firmarla per la quinta volta e il suo tema, On Her Majesty’s Secret Service, si sostituisce al James Bond Theme di Monty Norman. La scena in cui Bond raccoglie dall’ufficio i propri effetti personali, con l’intenzione di licenziarsi, è inoltre un piccolo tocco da maestro: ognuno di questi richiama una delle pellicole precedenti ed è accompagnato dal tema musicale del corrispondente film. Un omaggio che non è bastato a ingraziarsi la critica dell’epoca ma che adesso ha lo stesso il sapore nostalgico di un Martini agitato, non mescolato.

Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà [On Her Majesty’s Secret Service, Gran Bretagna 1969] REGIA Robert Hunt.
CAST George Lazenby, Diana Rigg, Telly Savalas, Gabriele Ferzetti, Ilse Steppat.
SCENEGGIATURA Richard Maibaum (dall’omonimo romanzo di Ian Fleming). FOTOGRAFIA Michael Reed. MUSICHE John Barry.
Spionaggio/Azione/Thriller, durata 140 minuti.

Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969)
3.5 4 70%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly