adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Nosferatu il vampiro (1922)

mercoledì 17 febbraio, 2016 | di Vincenzo Palermo
Nosferatu il vampiro (1922)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Identità rubate
L’eversione come atto di ribellione sociale, etica ed estetica è una delle cifre stilistiche di Friedrich W. Murnau, cantore della luce e dell’ombra e pioniere di un cinema che vive di immagini-archetipo e pulsioni desiderative.

Alla base dell’opera del maestro tedesco, mitteleuropeo per nascita e per vocazione, vi è l’eterno conflitto del doppio dietro cui si cela un più articolato discorso sulle identità riconvertite. Ci sono due Murnau – l’uno è Robert Plumpe, l’altro è colui che rinnega il padre cambiando nome -, ci sono i suoi personaggi che si moltiplicano sdoppiandosi nelle loro ombre – i vampiri, duali e trini, nascosti in quasi tutte le sue opere -, simbolo di una poetica cinefila ad alto tasso epidemico e a propagazione sistemica. mediacritica_nosferatu_il_vampiro_290Il campo di forze maligno entro cui il regista orchestra la sua “sinfonia dell’orrore”, movimento in levare come il “canto di due esseri umani” (sottotitolo di Aurora, in cui agisce una “vampiressa” camuffata da contadina maliarda), pullula del disordine diabolico portato dall’agente del caos, il conte Orlok (Dracula), altro doppio riconvertito per esigenze burocratiche, poi ben “psicanalizzato” dalla teoria letteraria. Ma non è solo l’anarchia a regnare sovrana, soprattutto nella città vampirizzata dal doppelgänger, in quanto la ricomposizione strategica può avvenire anche per altre vie, ad esempio lungo la pavimentazione a scacchiera del castello su cui i due pedoni, Orlok e Harker, ingaggiano una metaforica partita a scacchi scandita da tre incontri decisivi. Ordine e caos scompongono e ricompongono l’immagine archetipica del mostro, smantellando le certezze dello spettatore che si perde lungo le direttrici, spaziali e spirituali, ridisegnate dal non-morto che aleggia ovunque. Geograficamente parlando, però, Murnau si ferma solo fino a Brema, tradendo con arguzia l’opera di Stoker a cui Browning e poi Coppola renderanno giustizia e verità rispettivamente nel 1931 e nel 1992. Ma, non dimentichiamolo, il succhiasangue degli anni Venti è il distruttore dell’ordine sociale, “cattivo selvaggio” e medium tra desolata campagna e città pre-moderna più che distinto flâneur. La sua dimora è l’incubo che si propaga come la peste in un gioco di chiaroscuri e di contrappunti sfumati fino a materializzarsi in simbolo virulento come la pianta carnivora, la iena o l’organismo embrionale osservato al microscopio. La potenza evocativa della messa in scena, coordinata in tutte le sue parti dal cineasta-architetto intensifica le allucinazioni fantasmatiche e riproduce la dinamicità dell’immagine attraverso una maniacale cura scenografica. Nosferatu il vampiro, capolavoro tornato in sala oggi grazie al progetto “Il Cinema Ritrovato”, è ipnosi progressiva più che regressiva, figura e metafora del desiderio (o di un’ossessione condivisa).

Nosferatu il vampiro [Nosferatu, eine Symphonie des Grauens, Germania 1922] REGIA Friedrich W. Murnau.
CAST Max Schreck, Alexander Granach, Gustav von Wangenheim, Greta Schroeder, G.H. Schell.
SCENEGGIATURA Henrik Galeen (tratta dal romanzo Dracula di Bram Stoker). FOTOGRAFIA Günther Krampf, Fritz Arno Wagner. MUSICHE Hans Erdmann.

Horror, durata 85 minuti.

Nosferatu il vampiro (1922)
4.3 19 86.32%

2 Comments

  1. Renfield says:

    Capolavoro!

  2. MarcoT65 says:

    Interessante lettura di un caposaldo assoluto dell’horror.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly