adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

My Name is Joe (1998)

sabato 22 Ottobre, 2016 | di Marco Longo
My Name is Joe (1998)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE KEN LOACH
… E sono un alcolista
Si dice che una delle più grandi difficoltà per chi fa ingresso in una comunità di recupero – realtà oggi forse poco raccontate al cinema ma ugualmente attive e necessarie – sia la cosiddetta frase di presentazione, in cui accanto al proprio nome è affiancata l’ammissione immediata del proprio problema. Qualunque sia la dipendenza per cui ci si affida allo sguardo e all’ascolto dell’altro, riconoscerla significa inquadrare la propria vita entro una cornice di verità, primo vero passo, sempre se sincero, per sottrarsi al dolore e forse cominciare a riscattarsi.

Per Joe, che è un (ex) alcolista e vive di sussidi, cui affianca piccoli lavori occasionali, il dramma è tutto qui: tra una partita di calcio di quartiere e l’altra, in compagnia dei ragazzi che allena nel tempo libero o degli amici più o meno stabili con cui girovaga nelle periferie di Glasgow, Joe è capace di una generosità senza pari verso chi, come Liam, sembra destinato a incagliarsi nei suoi stessi problemi, e non esita a fare di tutto per offrire il proprio aiuto, perfino sfidando il pericolo e mettendo a rischio la propria vita.  mediacritica_my_name_is_joe_290Il problema è che questa generosità è più veloce della capacità di conoscere se stesso, e il desiderio di proteggere l’altro si mescola rapidamente con la menzogna, gli alibi, la tragedia, e l’inevitabile ritorno alla bottiglia: per questo My Name is Joe di Ken Loach, seconda sceneggiatura di Paul Laverty da lui portata sul grande schermo, ha il pregio di incrociare l’ombra della dipendenza al profilarsi di una storia d’amore, quella con l’assistente sociale Sara che di Joe amerebbe tutto, e più di ogni altra cosa l’altruismo, ma non perdona la minima bugia da parte dell’uomo, perché a lui chiede un amore fondato sulla verità. Lineare, vicino alla realtà anche grazie ad ambienti e personaggi secondari trovati sul campo, senza ulteriori elementi di manipolazione scenica, My Name is Joe è probabilmente il primo film di Loach che, alla fine degli anni Novanta, avrebbe lasciato intendere tanti lavori, più o meno riusciti, realizzati al giro del secolo. In questo ventaglio d’opere – cui certamente appartiene anche l’ultimo Io, Daniel BlakeMy Name is Joe resterà forse soprattutto grazie alla performance del suo protagonista Peter Mullan, premiato a Cannes dove il film passò in concorso, che declina con viscerale sincerità un personaggio difficile e in partenza, è il caso di dirlo, quasi disperso nell’anonimato di tante piccole storie, tutte uguali, tutte passeggere, del proletariato contemporaneo. Mullan è a servizio del personaggio, e attraverso il personaggio lascia brillare quella delicatezza, quella dolcezza nascosta tra la rabbia e la disperazione, che il cinema di Ken Loach più di chiunque altro ancora sa restituire. Nel campo e controcampo di un amore faccia a faccia, in cui ciascuno chiede all’altro il proprio nome e la verità, nient’altro che la verità.

My Name is Joe [Id., Gran Bretagna/Francia/Spagna/Italia/Germania 1998] REGIA Ken Loach.
CAST Peter Mullan, Louise Goodall, Gary Lewis, David McKay, Anne-Marie Kennedy.
SCENEGGIATURA Paul Laverty. FOTOGRAFIA Barry Ackroyd. MUSICHE George Fenton.
Drammatico, durata 105 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly