adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Le cose che verranno

sabato 10 dicembre, 2016 | di Juri Saitta
Le cose che verranno
Inediti
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

«Su una certa tendenza del cinema francese» (F. Truffaut)
Nel cinema, le tendenze non sono riconoscibili quanto i generi perché più vaghe e meno iconografiche, ma si possono comunque identificare per storie, tematiche, pubblico di riferimento e, a volte, linguaggio adottato.

Tra i filoni attualmente più in voga vi è quello che possiamo chiamare “cinema francese d’essai”, definizione personale e provvisoria che racchiude quei film transalpini dalle narrazioni esistenziali e dalle ambientazioni borghesi destinati a spettatori più o meno cinefili e più o meno colti (o desiderosi di esserlo). mediacritica_l_avenir_290Appartiene sicuramente a tale “corrente” Le cose che verranno, l’ultima fatica di Mia Hansen-Løve premiata con l’Orso d’Argento per la regia al 66° Festival di Berlino e presentata al 34° Torino Film Festival. Nel raccontare la vicenda di un’insegnante delle superiori sulla sessantina alle prese con dei mutamenti familiari e professionali che metteranno in discussione se stessa e la propria quotidianità, l’opera adotta tutti i possibili cliché del proprio filone d’appartenenza. Infatti, il film si svolge in un contesto medio-borghese, narra una storia intimista, ha dei dialoghi ricchi di riferimenti filosofico/letterari e, infine, pone una riflessione sulla sinistra e sulla militanza politica. Tutti elementi che forse derivano in qualche modo dalla Nouvelle Vague e che spesso costituiscono la base di altri titoli francesi contemporanei, come per esempio I miei giorni più belli di Arnaud Desplechin. Ma se quest’ultimo “utilizza” i punti citati per portare avanti dei discorsi assolutamente personali, la giovane cineasta transalpina sembra maneggiarli in modo meno incisivo e originale. Se da un lato è indubbio che la Hansen-Løve riesca a raccontare la sua protagonista con un’apprezzabile delicatezza e un notevole equilibrio “tonale” (l’opera non è mai né fredda né melodrammatica), dall’altro si deve constatare una certa prolissità narrativa e l’assenza di un’impronta davvero forte e riconoscibile dell’autrice sulla materia trattata. Qui si ha infatti l’impressione che la regista “esegua” correttamente ma senza particolare creatività i cardini di quella che è, parafrasando Truffaut, «una certa tendenza del cinema francese». Ed è proprio per tali motivi che Le cose che verranno, nonostante le apparenze e le ambizioni, non può essere considerato un lavoro veramente profondo e autoriale, ma piuttosto un più semplice e comune “film di corrente”, fedele tanto a certi stereotipi quanto a uno specifico tipo di pubblico, risultando così un onesto e ben confezionato prodotto medio e commerciale, solo destinato a un mercato più ristretto e d’essai.

Le cose che verranno [L’avenir, Francia/Germania 2016] REGIA Mia Hansen-Løve.
CAST Isabelle Huppert, André Marcon, Roman Kolinka, Edith Scob, Sarah Le Picard.
SCENEGGIATURA Mia Hansen-Løve. FOTOGRAFIA Denis Lenoir. MONTAGGIO Marion Monnier.
Drammatico, durata 100 minuti.

Le cose che verranno
3.29 7 65.71%

One Comment

  1. Kaiser Franz says:

    D’accordissimo, non capisco proprio gli entusiasmi per questo film

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly