adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Facciamo che io ero

sabato 17 giugno, 2017 | di Teresa Nannucci
Facciamo che io ero
TV
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Teorie teatrali e tv
Quattro puntate in prima serata su Rai 2 hanno permesso a Virginia Raffaele di sbizzarrirsi nel ventaglio di personaggi e imitazioni più completo che ha nel bagaglio. Facciamo che io ero ha fatto in modo che la sua ideatrice e protagonista assoluta potesse spaziare tra toni diversi, tra sketch comici e siparietti da cabaret, tra riflessioni personali e retoriche chiamate alla pietà.

Tra un Dirty Dancing con Bolle e un balletto da Kessler accanto a Carla Fracci, Virginia Raffaele si è senz’altro concessa l’opportunità di dominare la scena in tutte le versioni possibili: come persona, come personaggio pubblico e come macchietta da imitazione. Molti i personaggi già conosciuti ai più (da Belen a Sandra Milo) ma sono state numerose anche le piacevoli sorprese (dalle gemelle Kessler all’attrice intellettuale Saveria Foschi Volante). mediacritica_facciamo_che_ero_io_290Raffaele gioca con il suo corpo, scherzando su una pretenziosa inconsapevolezza della sua avvenenza, spingendo al limite (e oltre) i personaggi imitati, come a dar vita ai loro pensieri più nascosti. Se una delle grandi regole dei comici è che le loro esibizioni dovrebbero finire sempre “troppo presto” lasciando al pubblico l’acquolina in bocca per averne ancora, in questo senso l’operazione non è molto riuscita, in quanto quattro appuntamenti sono stati sufficienti a saziare la fame del pubblico di vedere questo suo stile imitativo. A far da cavaliere alla prima donna c’è Fabio De Luigi: sempre corretto a lasciare spazi e dettare ritmi, che quasi mai hanno retto la fruizione televisiva. Si è infatti risentito molto del montaggio a posteriori e dei ritmi da registrazione che sono comunque filtrati anche nel risultato finale. Oltre alla mancata illusione della diretta (mai ricercata, in virtù di onestà) alcuni dettagli hanno appesantito ulteriormente le performance, come per esempio il tentativo in quasi tutti i casi di identificarsi con il personaggio a partire dal trucco, lasciando che ceroni e trucchi verosimilmente durati ore coprissero il volto di Virginia inficiandone l’espressività. Questo processo che è piuttosto nella norma per le imitazioni televisive, stride un po’ con quella ricerca di divertimento e gioco infantile, tanto propugnata nel corso delle puntate. Dai lunghi monologhi al limite del buonismo ai racconti d’infanzia piuttosto autocompiaciuti, Facciamo che io ero oltre ad essere il titolo del programma, si ricollega istantaneamente alla teoria teatrale di Orazio Costa, continuamente ostentata e perseguita da Raffaele, ma mai realmente citata o proposta in maniera organica, mancando del tutto un minimo dato didattico che poteva dare un quid in più al programma. Un po’ di teatro in tv bene venga, sempre e comunque. Basta trovare un equilibrio che possa conciliare le dimensione fisica con quella virtuale.

Facciamo che io ero [Italia 2017] IDEATORE Virginia Raffaele, Giovanni Todescan.
CON Virginia Raffaele, Fabio De Luigi.
REGIA Piergiorgio Camilli. RETE Rai2.
Comico/Varietà, durata 110 minuti (puntata).

Facciamo che io ero
2.5 2 50%

One Comment

  1. Cakes says:

    Per me un vero pastrocchio! Per l’ennesima volta Virginia Raffaele ha dimostrato di essere un genio totale quando fa da spalla (o meglio, quando ha una spalla… anche se non fa nulla, come Conti a Sanremo) ma di non reggere il palco da sola! E mi dispiace tantissimo, è un talento eccezionale. Ma 30 minuti di questo programma = LA NOIA! A tratti faceva più ridere De Luigi, e ho detto tutto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly