adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Lasciami entrare (2008)

sabato 26 Gennaio, 2019 | di Vincenzo Palermo
Lasciami entrare (2008)
Europa 2000
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Ed è tutto sangue mio, questo nero veleno”
Partiamo da lontano. Il vampirismo al cinema era nato dal contrappunto musicale dell’Eine symphonie des Grauens (La sinfonia dell’orrore), sottotitolo del celebre Nosferatu di Murnau, per proseguire con Aurora, il “canto di due esseri umani”, come recita il sottotitolo voluto dal regista tedesco alla sua prima avventura in terra americana: Aurora, racconto di un “vampiro” concupiscente travestito da donna corruttrice.

Quest’ultima, non una tradizionale figura della notte, dunque, ma un abile e astuto camuffamento metaforico per riflettere su altro.mediacritica_lasciami_entrare_290 Tomas Alfredson, memore di questa lezione di narrazione dissimulata, rielabora in Lasciami entrare il topos demoniaco reso celebre da John Polidori facendo sparire la dialettica geografizzante di Murnau – e delle poetiche americane degli anni Venti – per riproporre un nuovo canto a due, non più intonato dalle diaboliche forze mitteleuropee saettanti tra città e campagna, ma immerso nel gelido spazio urbano della periferia di Stoccolma, entro il quale si recupera il grande archetipo del Bildungsroman e della fiaba nera.
Il corpo femminile desiderante – qui sotto le mentite spoglie di una dodicenne eterna, così come in Aurora era dissimulato nella donna corruttrice – si offre nel suo impeto cannibalico e nella sua “umana” fragilità, ma la concupiscenza della figura malinconica non è che la metafora della perdita dell’innocenza. Lo stesso dramma che vive Oskar, che è umano, ma tanto distante dai suoi coetanei da subire continue vessazioni e soprusi. Il dramma dell’esclusione dalle proprie comunità sociali vissuto dai due adolescenti, temporaneo per Oskar, eterno per Eli che ha dodici anni da troppo tempo, è ambientato in un preciso spazio-tempo – la periferia svedese di inizio anni Ottanta – e riesce a piegare il genere regalandoci un ritratto intenso e struggente che si allontana dal tradizionalismo retorico del teen movie.
Alfredson filma l’invisibile, accogliendo lo spettatore nel microcosmo emotivo dei due amanti e rendendo palpabile il disagio interiore di una coppia di diversi. Il regista, adattando il romanzo di John Ajvide Lindqvist, sfrutta il meccanismo dell’intuizione improvvisa che crea la svolta narrativa giusta, indulgendo poco o niente nel gore fine a se stesso e aprendosi un varco, tra squarci di dolcezza e cupa malinconia, nel quale dilatare uno spavento lirico che riempie la scena di un romanticismo raggelato e mai strombazzante. Tutto si conclude con un ultimo viaggio e una nuova rinascita, ma non prima che il sangue dei colpevoli abbia insozzato la piscina della scuola, improvvisamente macchiatasi del rosso della colpa e dell’espiazione, come quella in cui Jay, nello straordinario e metaforico It Follows, sconfigge le proprie paure entrando nel mondo adulto.

Lasciami entrare [Låt den rätte komma in, Svezia 2008] REGIA Tomas Alfredson.
CAST Kåre Hedebrant, Lina Leandersson, Per Ragnar, Henrik Dahl, Karin Bergquist, Peter Carlberg.
SCENEGGIATURA John Ajvide Lindqvist. FOTOGRAFIA Hoyte Van Hoytema. MUSICHE Johan Söderqvist.
Horror, durata 114 minuti.

3 Comments

  1. Cri says:

    Bellissima recensione di un film che amo!

  2. Roger says:

    Sì, bella recensione davvero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly