adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Valhalla Rising

lunedì 6 Giugno, 2011 | di Lisa Cecconi
Valhalla Rising
Inediti
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

INEDITO – DANIMARCA, GRAN BRETAGNA 2009

Non c’è posto per le fragole
Gli specchi d’acqua della Scandinavia riflettono il cielo ma celano gli Inferi. Nel mezzo, sparute tribù di vichinghi allestiscono feroci combattimenti umani.

Inedito nelle sale ma presentato nel 2009 al Toronto International Film Festival e alla 66° Mostra del Cinema di Venezia, Valhalla Rising è l’ennesimo frutto dell’estro eclettico di Nicolas Winding Refn, premiato a Cannes 2011 per la regia di Drive.
Convinto fautore di un cinema estremo, continuamente volto alla palingenesi, Refn abbandona la saga adrenalinica (Pusher I, II, III) e il biopic controverso (Bronson) per spingersi impavido nelle atmosfere immote delle montagne nordiche. Il protagonista è Oneye (Mads Mikkelsen), schiavo orbo e muto ma guerriero micidiale che, fatta strage dei suoi aguzzini, si unisce a un manipolo di crociati diretti in Terra Santa. Li attende tutt’altra destinazione. Come “il Monco” di Leone – e, quindi, epigono del samurai di Kurosawa –  Oneye sfoggia una menomazione soltanto apparente. valhalla-risingL’occhio offeso non è mancante ma retroverso. Più che sintomo di cecità parziale è metafora di un sapere inaccessibile. Al pari del guercio Odino, Oneye conosce i segreti del mondo sotterraneo e orridi stralci di futuro ne assillano il sonno in  visioni di morte. Le terre che calpesta vacillano in bilico tra due ere, tra il declino di un paganesimo sanguinario e l’ascesa di un cristianesimo che è già  mortifero e strumentale. Il suo legame con il divino è invece immediato, quasi non voluto ma, per quanto temuto e seguito, perché profetico e invincibile, Oneye non è una  figura cristica, non incarna e non diffonde il Verbo ed è un bambino (Maarten Steven) a parlare per lui. Attraverso i sei capitoli che lo compongono, il film illustra ogni tappa del suo cammino, insieme fisico e spirituale, attribuendo ad ognuna  precise scelte espressive. Se l’invasamento dei crociati che bevono il sangue del loro Dio innesca  una sequenza autonoma di immagini lisergiche, sulle note stranianti del duo danese Peter Peter and Peter Kyed, il viaggio lungo il fiume – simbolo ambiguo di vita rigenerata e strada per l’oltretomba – trova nella nebbia più impenetrabile il corrispettivo visivo dell’ottundimento e della mistificazione. Al fanatismo cieco della religione, Refn oppone un punto di vista immancabilmente umano, anche quando lo sguardo si perde in panoramiche meditative, in contemplazione dell’orizzonte. Il percorso di Oneye dalla “bestialitas” della vendetta alla “pietas” del sacrificio si spoglia perciò di ogni retorica, tenacemente ancorato a una consapevolezza intuitiva, dolente e, in fondo, terrena. A differenza del cavaliere di Bergman – autore caro al regista – Oneye non si imbatte nel lato innocente della natura umana ma solo nella sua forma primigenia e a questa sceglie di soccombere perché più autentica e non ancora perversa.
Nel superamento di una violenza endemica, cifra irriducibile del cinema di Refn, l’unica missione possibile per l’uomo è riuscire a guardare se stesso e sopportare quello che vede.

One Comment

  1. Pingback: Drive Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly