adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tuesday, after Christmas

giovedì 20 Ottobre, 2011 | di Eleonora Degrassi
Tuesday, after Christmas
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

DVD, ROMANIA 2010

Applichiamo alla vita i puntini di sospensione
Un uomo e una donna, nudi su un letto. Si avvolgono, si intrecciano, si amano. Paul/Mimi Branescu e Raluca/Maria Popistasu, l’intimità, l’attrazione, la conoscenza. Paul e Adriana, sua moglie, a fare compere natalizie per la figlia. I primi carne, sesso e coperte; i secondi gente, lontananza e una sorta di malinconia eternamente trascinata.

Paul, Raluca, Adriana/Mirela Oprisor, l’ennesimo triangolo, l’uomo deve scegliere, e decide di farlo nei giorni in prossimità del Natale. Questa è la storia di Marti, dupa craciun/Tuesday, after Christmas – il suo Martedì dopo Natale appartiene a quella New Wave rumena, a cui vengono ascritti registi come Cristian Mungiu con il suo 4 mesi 3 settimane 2 giorni, Floran Serban con If I want to whistle, I whistle, Cristi Puiu con La morte del signor Lazarescu -, film del 2010 di Radu Muntean, presentato alla Un Certain Reguard di Cannes; la pellicola del regista rumeno arriva in Italia senza uscire nelle sale, direttamente in dvd.

L’opera ha alla base una storia trita e ritrita, il triangolo lui-lei-l’altra, che abbiamo molte volte visto al cinema, pensiamo al capolavoro Scene da un matrimonio di Ingmar Bergman del 1973, sicuramente fonte d’ispirazione per il regista rumeno – addirittura il nome del nostro protagonista è lo stesso del capitolo Paula dell’altro film -; Paul si innamora di una giovane e bella odontoiatra, mettendo in crisi l’equilibrio familiare.

Muntean, con una notevole capacità registica, attraverso inquadrature fisse e piani sequenza lunghi e “snervanti” – come la storia che “tormenta”  la coscienza del protagonista tanto quanto mette a dura prova, in certi momenti, la pazienza dello spettatore – racconta una storia di ordinaria quotidianità, tocca argomenti che noi spettatori conosciamo bene, sentimenti che abbiamo provato o abbiamo visto provare, e esamina con realismo e voyerismo questi due amori, scavando tra le pieghe dei corpi di Raluca e Paul che giacciono insieme e immergendosi nella distanza “materica” che relega Adriana a uno sfocato arredamento di quella “stanza” arredata insieme e che ora, a poco a poco, si sta svuotando. Paul sembra crogiolarsi in questa sua condizione, con l’amante giovane e pieno di passione, con la moglie marito premuroso e parte di un progetto, oramai consolidato, in cui l’unico fulcro e collante del tutto è Mara, la figlia.  Figlia che fa da trait d’union in questo viaggio sentimentale tra la paura – di lasciare qualcosa in cui hai messo tutto te stesso, ma anche quella di intraprendere un nuovo capitolo (Paul sostiene di non volere un figlio dall’amante) pieno di interrogativi e puntini di sospensione – e la spinta vitale (elemento che caratterizza anche Raluca) che dà quella forza propulsiva che fa sperare. Nelle scene focali del film – quando la moglie inconsapevole ha davanti a sé l’amante del marito e quando poi scopre l’esistenza dell’altra donna – tutto viene esplicitato con uno stile piano, trattenuto, raccontando un dramma “tra le righe”, senza forti accenti e toni esasperati, ma questo toglie qualcosa; è come se Muntean stesse sempre al di sotto o al di là delle emozioni, tutto è talmente soffuso e soffocato da sembrare poco realistico e  “dis-umano”.   È un film “afono di musicalità”, oltre che senza musica, una pellicola che punta all’essenza delle immagini, al nocciolo della “questione”; l’importante sono le parole dette, i personaggi “agiti” da una forza centripeta, le inquadrature ben fatte, non le emozioni in sé; una scelta è stata fatta, ma è come se non lo fosse. Paul, come Tuesday, after Christmas, forse resterà sempre lì, tra il tacere e l’ammettere, tra il coraggio e la codardia, tra il Natale e il Capodanno, tra Adriana e Raluca e anche noi restiamo così, tra un applauso e un fischio, tra l’amore e l’odio, tra un singhiozzo e uno sbadiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly