adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Città amara – Fat City (1972)

lunedì 6 Agosto, 2012 | di Filippo Zoratti
Città amara – Fat City (1972)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Sabato 11 agosto 2012, Sky Classics, ore 22.50

Pugni in faccia
Contrariamente a quanto lascia credere il titolo italiano, nello slang americano “fat city” significa paradiso in terra. Ovvero Eldorado, mondo ideale per sua stessa definizione inaccessibile. Un luogo agli antipodi dal microcosmo sociale di Stockton, California, con i suoi locali malfamati popolati da disperati che cercano di aggrapparsi ad un motivo per continuare a vivere.

Tra la folla di mosche da bar dedite alla quotidiana miseria e alla sempiterna emarginazione, la cinepresa del regista John Huston stringe su Tully ed Ernie, inseguendo i loro dialoghi, i sogni, le sbornie, la complicità maschile ma soprattutto il comune destino alla sconfitta. Billy Tully, citta_amarapugile trentenne che ha perso l’incontro più importante della sua carriera e che cerca di tornare sul ring dopo essere stato abbandonato dalla moglie, prende sotto la sua ala protettiva l’esordiente diciottenne Ernie Munger (interpretato da un giovanissimo Jeff Bridges), che si è dovuto sposare controvoglia perché la sua ragazza Faye è rimasta incinta: ed è subito fallimento. Perché ciò che per Tully è un’abitudine ovvia per Ernie diventa presto una scoperta cui non potrà sfuggire. Tra incontri persi, tentativi di unire le proprie solitudini con quelle di donne altrettanto sole e la bestiale fatica di guadagnare pochi dollari lavorando come braccianti nei campi, la speranza tramonta sul rovescio desolato e acre dell’America grassa e benestante. Nonostante la narrazione ci guidi verso un’inevitabile compassione e tenerezza per i personaggi, Città amara non è una retorica contemplazione (rischio altissimo quando si parla di metafore sportive), quanto piuttosto un dramma iperrealista venato di lirismo, una diagnosi lucida e disperata della condizione umana. Tutto contribuisce alla sincerità del racconto imbastito da Huston, dallo script di Leonard Gardner – anche autore del romanzo da cui il film è tratto – alla crepuscolare fotografia di Conrad Hall (che trent’anni dopo avrebbe vinto l’Oscar per American Beauty), fino all’equilibrio estetico della stessa regia, capace di fondere esigenze realistiche e gusto raffinato. Calati negli inferi della boxe di categoria infima assistiamo ad una deriva che lascia trasparire i connotati di uno scacco esistenziale ma soprattutto i tratti di un destino sociale ineluttabile, evidente. Lo capiamo fin dalle prime battute dei due protagonisti, proletari orgogliosi ma coscienti della loro condizione di perdenti nati. Ma se questo mondo è tutto per i vincitori, cosa resta ai falliti? La convinzione che qualcuno stia sempre peggio di loro. E il ritrovo al bancone dello stesso bar, con pochissimo da dirsi e pochissimo da spendere, nella cruda e dilaniante presa di coscienza che a loro il destino non concederà alcuna possibilità di riscatto.

Città amara – Fat City [Fat City, USA 1972] REGIA John Huston.
CAST Stacy Keach, Jeff Bridges, Susan Tyrrell, Candy Clark, Nicholas Colasanto.
SCENEGGIATURA Leonard Gardner. FOTOGRAFIA Conrad L. Hall. MONTAGGIO Walter Thompson.
Drammatico, durata 100 minuti.

Città amara – Fat City (1972)
4.4 7 88.57%

2 Comments

  1. Something to talk says:

    Azzardo: è il miglior film di Huston. Bella (e triste)recensione

    • Edop says:

      Sì, anche secondo me si gioca la palma per il miglior film di Huston con “Giungla d’asfalto”
      Bellissimo è anche, lo vidi al Cinema Ritrovato, “La saggezza nel sangue” (1979), che per me sotto più aspetti è simile a “città amara”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly