adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Blade Runner (1982)

sabato 13 aprile, 2013 | di Andrea Moschioni Fioretti
Blade Runner (1982)
Film History
6
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE MONDI SCONOSCIUTI
Più umani degli umani
Mostra del Cinema di Venezia, 1 settembre 2007: proiezione di mezzanotte in Sala Grande, alla presenza di Ridley Scott, Rutger Hauer e Daryl Hannah. Viene presentato, in anteprima mondiale, Blade Runner: The Final Cut: l’emozione di vedere per la prima volta su grande schermo – il film è del 1982, anno di nascita del sottoscritto – uno dei capolavori del cinema di fantascienza fu indescrivibile, una di quelle esperienze che solo i cinefili più accaniti possono capire, senza nascondere qualche furtiva lacrima a fine proiezione…

Blade Runner rappresenta, per chi scrive, un cult senza precedenti che fin dalla sua prima visione resta nel cuore di ogni spettatore. La versione final cut del 2007 non aggiunge molto all’originale del 1982 (se si escludono il finale e alcune sequenze extra di poca rilevanza), ma sottolinea ancora di più che il film ha avuto ed ha tuttora un forte valore nel panorama del cinema di genere. Tre sono le cose che lo caratterizzano e lo fanno amare:mediacritica_blade_runner1a la musica, le scenografie e il messaggio filosofico contenuto nella trama. Tralasciando la famosa e saccheggiata scena della morte del replicante di Hauer, Blade Runner e Scott rivoluzionarono l’immaginario cyberpunk, di cui è capostipite, con un uso della scenografia e della fotografia che ancora oggi è imitata ma mai eguagliata. La città del futuro, una Los Angeles accompagnata dalle note avanguardistiche e indimenticabili della colonna sonora di Vangelis, alienante e cupa, popolata da individui sinistri e dove la pioggia perenne sembra lavare via i peccati e i pensieri degli uomini e di chi vorrebbe essere libero ma non può. La paura di morire, la voglia di immortalità dei replicanti e la perdita dei sentimenti degli uomini: temi filosofici che provengono dal racconto di Philip K. Dick Ma gli androidi sognano pecore elettriche?, concetti ricorrenti nei romanzi dello scrittore, un confronto tra uomo e “macchine” in perenne discussione. Di questa lotta il film è pieno: a partire dal senso di pietà che prova Deckard, il personaggio di Harrison Ford, nell’annientare gli androidi fino allo scontro finale in cui Rutger Hauer risparmia invece la vita al cacciatore di replicanti dimostrando di avere sentimenti umani e poco artificiali. Come dice Morandini, dopo Metropolis di Lang nessun film aveva suggerito un’immagine così suggestiva e terribile del futuro, ma soprattutto dopo Blade Runner ancora nessuno è riuscito a ricreare l’estetica pensata da Scott e dal genio dell’artista concettuale Syd Mead; l’unico che è riuscito quasi ad avvicinarsi è stato il sottovalutato Dark City di Alex Proyas. Uno stile figlio dei suoi tempi di cui oggi a volte sentiamo la mancanza. Rivalutiamo sempre di più il cinema anni ’80, forse solo per una questione affettiva, ma riguardando Blade Runner, prima di tutto lo facciamo per una questione qualitativa. E chiaramente l’Academy restò miope nei confronti di Blade Runner

Blade Runner [Id., USA 1982] REGIA Ridley Scott.
CAST Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young, Daryl Hannah.
SCENEGGIATURA Roland Kibbee, David Webb Peoples, Hampton Fancher. FOTOGRAFIA Jordan Cronenweth. MUSICHE Vangelis.
Drammatico/Fantascienza, durata 118 minuti.

Blade Runner (1982)
4.4 40 87%

6 Comments

  1. Andrea says:

    CAPOLAVORO!

  2. Buffalo '66 says:

    Bè sì, dipende qualche versione viene vista… dato che ce ne sono 4!

  3. Anonimo says:

    IL FILM!

  4. gigi says:

    “You will be required to do wrong no matter where you go. It is the basic condition of life, to be required to violate your own identity. At some time, every creature which lives must do so. It is the ultimate shadow, the defeat of creation; this is the curse at work, the curse that feeds on all life. Everywhere in the universe.” Philip Dick – Do Androids Dream of Electric Sheep?

  5. Anonimo says:

    Un film impareggiabile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly