adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Re per una notte (1983)

mercoledì 31 Luglio, 2013 | di Andrea Moschioni Fioretti
Re per una notte (1983)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE MARTIN SCORSESE, II PARTE
Cattive maniere
Il cinema di Martin Scorsese è stratificato e il suo sguardo, mai comune e piatto, ha aderito con forza al cinema di genere e al documentario; nonostante una carriera così florida, gli insuccessi ci sono stati: è il caso di Re per una notte, ma la spiegazione di questo flop si fatica a capire.

Re per una notte rappresenta l’ennesima occasione per Scorsese per dimostrare che la sua carriera è fondata su un impulso che di film in film aumenta la sua essenza: i personaggi principali delle sue pellicole sono ossessionati da qualcosa o da qualcuno, come del resto Scorsese stesso è in qualche modo ossessionato dal Cinema. Scorsese ammette, con i documentari che raccontano la storia del cinema italiano e del cinema americanomediacritica_re_per_una_notte (Viaggio in Italia e Viaggio nel cinema americano, e i numerosi restauri che ha finanziato), che la sua è un’ossessione lucida e positiva, a differenza di quella dei suoi personaggi. Taxi Driver, Toro scatenato, Quei bravi ragazzi, Casinò e The Aviator (per citarne alcuni), hanno protagonisti ossessionati chi dai soldi e dalla fama e chi dalla vendetta, e anche in Re per una notte Rupert sogna il successo come comico televisivo e perseguita per questo il suo idolo Jerry Langford. Una critica al mondo dei mass media pronti ad elevarti a nuova star, ma anche quindi la riproposizione di un archetipo di personaggio lottatore e tenace. Il personaggio di De Niro è come Hugo Cabret che, nella sua folle e disperata ricerca dei pezzi mancanti dell’automa incompiuto, si ficca in situazioni pericolose; è come Sam di Casìnò pronto a tutto per fare soldi e vivere a pieno la vita, con un’unica differenza: pecca in lucidità anche se riuscirà ad ottenere il proprio premio. Gli “scorsesiani” agiscono sotto gli impeti della violenza il più delle volte fisica, ne sono succubi e allo stesso tempo la possono manovrare con sicurezza: Rupert solo grazie ad essa raggiungerà il suo sogno secondo un calcolo mentale ben diretto, facendo pensare che la follia porti a dei risultati. Sono tanti i pregi di questa pellicola forse un po’ datata ma diventata un cult, uno su tutti l’aver fatto scoprire agli americani – noi europei lo sapevamo già – il talento di Jerry Lewis, troppo spesso bollato come attore esclusivamente comico. Una favola grottesca che è sintomo della nebbia che copriva le menti umane di speranza e il delirio di onnipotenza che il cinema americano anni ’80 ha saputo raccontarci, un Wall Street in anticipo che non gioca con i soldi ma con l’industria dei sogni della tv sostituto dell’invecchiato cinema. Un flop che allora sì può essere spiegato: la contemporaneità fatica a farsi piacere al cinema, appaga solo se sembra lontana anni luce dal nostro vissuto, ma se è troppo reale fa paura.

Re per una notte [The King of Comedy, USA 1983] REGIA Martin Scorsese.
CAST Robert De Niro, Jerry Lewis, Diahnne Abbott, Sandra Bernhard.
SCENEGGIATURA Paul D. Zimmerman. FOTOGRAFIA Fred Schuler. MONTAGGIO Thelma Schoonmaker.
Commedia/Drammatico, durata 109 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly