adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’arte del sogno (2006)

sabato 14 Settembre, 2013 | di Marco Longo
L’arte del sogno (2006)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE MICHEL GONDRY
La pezza di cui sono fatti i sogni
Morto il padre in Messico per un cancro, Stephane Miroux ritorna a Parigi su richiesta della madre, che vive da anni con un altro uomo. Qui lo aspettano un lavoro in una mediocre azienda di calendari promozionali, tragicamente incompatibile con le sue doti di illustratore, e una bella vicina di casa, altrettanto timida e fantasiosa, di cui scegliere se innamorarsi oppure no.

Procede su questo doppio binario – la fantasia e i sentimenti – il film di finzione successivo a Eternal Sunshine of the Spotless Mind, che giustamente consacrò il suo autore e ne impose all’attenzione collettiva la capacità esemplare di orientarsi sui molteplici livelli che separano il sogno, l’immaginazione e la realtà.mediacritica_l_arte_del_sogno1a Anche L’arte del sogno si muove all’interno del medesimo cortocircuito cuore-mente, ma laddove il film solidamente sceneggiato da Charlie Kaufman era una riflessione sul passato, sulla memoria e la sua resistenza contro l’oblio e la solitudine, qui la prospettiva dei personaggi è tutta orientata al futuro – “cosa potrebbe essere se?” – e non esistono appigli reali con cui farsi forza e andare avanti, se non il rifugio, recidivo e patologico, dietro alle immagini e ai feticci dell’infanzia, alla capacità che hanno i giochi di pezza, la poesia e i congegni elettronici di semplificare il controllo sulla nostra vita e lasciarci dissolvere nel sogno di una bellezza che ancora non è. Per questo, se Eternal Sunshine si configura come un racconto di lotta, battagliero anche quando le speranze d’amore sembrano affievolirsi e svanire, L’arte del sogno è coerente – e talora, anche molto divertente – nel dipingere la rassegnazione affaticata di chi dipende dal proprio inconscio e grazie alla fantasia tenta di sopravvivere a un mondo volgare. Essere felici in amore è impossibile, sembra dire Gondry: nell’esatto istante in cui ci risvegliamo dai nostri sogni, la realtà è troppo complicata per permetterci di affrontare trasparentemente la contraddittoria verità degli affetti. Tengono in piedi questa commedia malinconica, che qualche volta gira a vuoto per l’esile caratterizzazione psicologica dei personaggi, le ottime performance di Gael García Bernal e Charlotte Gainsbourg, fotografati con ruvida umanità, figure imperfette e lontane dal divismo di tanti altri ruoli. Intorno a loro, lo sfoggio di quello straordinario talento visivo che è Michel Gondry, artigiano prima ancora che regista: la straripante qualità delle invenzioni materiche con cui l’autore trasfigura l’immagine cinematografica omaggia la grande scuola di animazione praghese e si conferma refrattaria a qualsiasi definizione o incasellamento, teneramente sospesa tra ciò che è romantico, e ciò che è soltanto surreale.

L’arte del sogno [La science des rêves, Francia/Italia 2006] REGIA Michel Gondry.
CAST Gael García Bernal, Charlotte Gainsbourg, Alain Chabat, Miou-Miou, Pierre Vaneck.
SCENEGGIATURA Michel Gondry. FOTOGRAFIA Jean-Louis Bompoint. MUSICHE Jean-Michel Bernard.
Commedia, durata 105 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly