adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Fino all’ultimo respiro (1960)

sabato 22 novembre, 2014 | di Filippo Zoratti
Fino all’ultimo respiro (1960)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE JEAN-LUC GODARD
Semplicemente, un’ipotesi di cinema
Col senno di poi, è fin troppo facile parlare della Nouvelle Vague. Perché a oltre cinquant’anni di distanza (ma anche a dieci, in verità) chiunque all’unanimità riconosce – più o meno approfonditamente – il valore innovativo e fondante del “nuovo modo” di intendere culturalmente il mezzo cinema che ha sconvolto l’esausto classicismo fino a quel momento imperante.

Perché esiste una data precisa di inizio “ondata” ed esistono almeno tre film-manifesto: I quattrocento colpi di François Truffaut, Hiroshima mon amour di Alain Resnais (presentati al Festival di Cannes nel maggio del 1959) e Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard. Perché i nomi cui ricondurre le linee guida di questa rivoluzione sono scolpiti nel marmo:mediacritica_fino_allultimo_respiro1a oltre ai tre registi sopraccitati ci sono Claude Chabrol, Jacques Rivette, Louis Malle, Roger Vadim, Jacques Doniol-Valcroze, Eric Rohmer, Agnès Varda… Quasi tutti provenienti dalla critica e dai Cahiers du Cinéma, a sottolineare un sintomatico interesse fra teoria e pratica, possibile solo attraverso un’attività anticipatrice e in un certo senso “pionieristica”. Forse, l’unico modo per uscire dall’impasse dello studio a posteriori è immaginarci spettatori/addetti ai lavori al momento della prima visione di questi capi d’opera. Come e cosa si poteva pensare di À bout de souffle al momento della sua uscita? “Un montaggio e un uso della macchina piuttosto insoliti sono gli elementi che caratterizzano questo film. Il soggetto però assai banale e la sceneggiatura in più parti incomprensibile, oltre ad un dialogo dalle false apparenze intellettualistiche, rendono il film lento e discontinuo” (Segnalazioni cinematografiche, vol. 48, 1960); o ancora “La rivolta di Fino all’ultimo respiro è poco più di uno sberleffo, un atto di opaca e rinunciataria derisione. Prima o poi anche Godard verrà archiviato come un capitolo chiuso, in attesa di nuove scoperte” (Cinema nuovo, n. 149, gennaio-febbraio 1961). La vicenda di Jean-Paul Belmondo delinquente e assassino che si innamora della libera e curiosa Jean Seberg non venne salutata con una salva di fuochi d’artificio: lo spocchioso vento innovatore francese ignorava i fatti storici, si crogiolava nel proprio intimismo e nell’esasperato estetismo. Si poteva, umanamente, fraintendere la Nouvelle Vague, col suo sguardo sghembo che mescolava realismo e finzione, la prepotente introduzione del caso che blocca la narrazione, la provocatoria tendenza al nichilismo e alla sconfitta. Una miopia imbarazzante nell’anno domini 2014, così come magari fra trent’anni qualcuno sorriderà leggendo i giudizi sommari e le stroncature dati oggi a futuri e insospettabili “maestri” della Settima Arte. Ammesso e non concesso che oggi possa ancora esistere un’ipotesi di cinema provocatoria e controcorrente: cosa farebbero nell’epoca del post-tutto Truffaut, Resnais e Godard?

Fino all’ultimo respiro [À bout de souffle, Francia 1960] REGIA Jean-Luc Godard.
CAST Jean-Paul Belmondo, Jean Seberg, Daniel Boulanger, Jean-Pierre Melville.
SCENEGGIATURA Jean-Luc Godard. FOTOGRAFIA Raoul Coutard. MUSICHE Martial Solal.
Drammatico, durata 89 minuti.

Fino all’ultimo respiro (1960)
4.5 10 90%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly