adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il suono sotto la pelle

sabato 24 Gennaio, 2015 | di Fabrizio Garau
Il suono sotto la pelle
Editoriale
0
Facebooktwittermail

Lo score di Under the Skin, firmato da Mica Levi (classe 1987), è uno dei casi musicali del 2014, perché sembra mettere d’accordo mainstream (premio come miglior compositrice agli European Film Awards) e underground.

Il film, una produzione inglese come Levi, ha ricevuto il sostegno dalla stampa nazionale, ad esempio del Guardian, raggiungendo dunque grosse fette di pubblico. Pochi giorni fa un conosciutissimo negozio on line indipendente di Manchester, Boomkat, ha sancito un po’ a sorpresa che Under the Skin OST è il suo disco dell’anno, quindi pare che piaccia (o possa piacere) anche a determinate fette di pubblico.mediacritica_il suono sotto la pelle I proprietari di Boomkat, per inciso, sempre nei mesi passati hanno scommesso su Michaela con la loro etichetta Modern Love, pubblicando una sua mixtape, perciò sono più che di parte. Pure gli americani, d’altro canto, si sono interessati: Pitchfork ha intervistato sia Micachu (nome di battaglia della ragazza quando suona col suo gruppo) sia Jonathan Glazer, regista del film e, in passato, del video di Karma Police dei Radiohead (totem della webzine), inoltre ha messo la soundtrack in ascolto integrale sulle sue pagine. Poi, sempre grazie a Boomkat, che di marketing evidentemente ne sa, si legge che anche altri artisti – molto poco inclini ai compromessi – si sono accorti dell’album, piazzandolo nelle loro classifiche personali di fine anno. Per fare tre nomi: Stephen O’Malley (Sunn O))), KTL), Kevin Martin (The Bug, Techno Animal) ed Erik Skodvin (Miasmah, Svarte Greiner). Questo succede per un motivo molto semplice: Levi, come Glazer, si è spinta un po’ più in là. Il tema principale (tre note) di Under The Skin è scabro, minimalista e si trova all’interno di un lavoro realizzato  con una strumentazione essenziale (suoni di sintesi e veri strumenti ad arco, tra i quali la sua viola, poi flauto e percussioni), ispirato – a detta di Michaela – a Tetras di Xenakis, ma nello stridore delle corde un cinefilo può ritrovare nomi ben più familiari (Herrmann? Anche Kubrick che ricorre a Ligeti). Certo che qui dissonanze, il prolungamento innaturale di certe parti, l’uso delle ripetizioni e quello dei silenzi catturano inevitabilmente anche l’attenzione di chi mastica roba più estrema, senza dimenticare alcune basse frequenze così scure e pesanti che affondano chi ascolta non si sa bene dove, un po’ come succede a quei poveracci che credono di potersi davvero fare Scarlett Johansson. Non va escluso, poi, l’eterno ritorno degli appassionati alle colonne sonore e di sicuro aiutano l’irrealtà di un film “formalmente” di fantascienza e la quasi assenza di dialoghi, così che diventa quasi tutto musica: non quella delle canzoni, bensì ciò che di solito chiamiamo ambient, noise o – esagerando – . “sperimentale”. Levi e Glazer, insomma, non sono i primi a cercare di forzare i limiti, ma forse oggi sono i soli ad aver intercettato sensibilità altre. Vedremo se questo garantirà una vita più lunga ad Under the Skin o gli conferirà lo status di “cult”, o ancora se altri seguiranno l’esempio e porteranno certi suoni e certi artisti in superficie. Sì, perché in questo campo Michaela era all’esordio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly