adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La stanza del figlio (2001)

sabato 18 Aprile, 2015 | di Teresa Nannucci
La stanza del figlio (2001)
Film History
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE NANNI MORETTI
Arrivederci, amore ciao
Andrea è il figlio adolescente di uno psicanalista e di una madre appassionata, fratello di una ragazza sempre pronta a difenderlo e amico di tanti ragazzi. Andrea muore e la famiglia, come gruppo e come singoli componenti, si trova di fronte alla difficile sfida di gestire la rabbia e il dolore dovuti alla sua perdita.

La stanza del figlio ha ricevuto molti premi in tanti Paesi del mondo (uno su tutti, la Palma d’Oro a Cannes nel 2001) e ha segnato, nella filmografia di Nanni Moretti, il punto in cui si manifesta il migliore incontro dello spirito sardonico del regista con il portato emotivo greve del tema trattato. Dello stile morettiano, infatti, questo film mantiene tutto, fino quasi a far stridere questi elementi con il percorso interiore rappresentato, soprattutto nella figura del padre.mediacritica_la_stanza_del_figlio_290 È impossibile non notare l’andamento scattoso e impostato della dizione e dei dialoghi che contrastano con l’impeto e la morbidezza dei personaggi femminili, in particolare. Senza dubbio, la lucidità autoriale del regista si fa sentire, dalla sceneggiatura all’uso della macchina da presa e soprattutto nella volontà di analizzare sistematicamente le varie fasi della tragedia, allontanandosi però (fortunatamente) dalla stantìa divisione in fasi tanto cara alla filmografia d’oltreoceano. Se dunque il turbine di emozioni e di meccanismi interiori vengono non sempre rappresentati in maniera credibile, il complesso delle immagini sullo schermo forma un panorama potente e verosimile dell’elaborazione del lutto (perché di questo, in fondo, stiamo parlando). La teatralità di alcune inquadrature statiche si giustappone al movimento che segue i personaggi, rappresentati sia come unità familiare sia come singoli individui, ognuno alle prese con diverse modalità di gestione di sé. A far da cornice alle immagini tanto potenti quanto monocromatiche (eccezion fatta per la felpa rossa e il mare azzurro) sono presenti delle scelte musicali che accostano brani della classicità italiana a Brian Eno, rendendo ancora più efficace quell’alternanza quasi onirica tra realtà e immaginazione  che Moretti persegue per tutto il film. Alcune sequenze sono infatti intervallate da pensieri riguardo all’accaduto e alle possibilità di rimediare agli errori passati, tenute insieme da un uso insolito per il regista di voice over e musica. La stanza del figlio, in altre parole, pur perseguendo a pieno titolo gli stilemi e la poetica di Moretti, riesce a far trasparire il lato umano, quello vero, che muove di pancia oltre ad analizzare pragmaticamente.

La stanza del figlio [Id., Italia/Francia 2001] REGIA Nanni Moretti.
CAST Nanni Moretti, Laura Morante, Jasmine Trinca, Giuseppe Sanfelice, Silvio Orlando.
SCENEGGIATURA Linda Ferri, Heidurn Schleef, Nanni MorettiFOTOGRAFIA Giuseppe Lanci. MUSICHE Nicola Piovani.
Drammatico, durata 99 minuti.

5 Comments

  1. Edop says:

    Trovo che sia il film di Moretti più riuscito e compiuto dell’ultima parte della sua carriera

    • Frances says:

      Io lo ritengo troppo compromesso emotivamente, poco equilibrato. Al contrario dell’ultimo, toccante, profondo e delicato allo stesso tempo, è troppo “strappa lacrime”, per quanto la tematica comporti inevitabilmente un approccio diverso, più dolorosamente violento.

      • Edop says:

        Li ho apprezzati entrambi per il pudore con cui ha trattato l’argomento. Trovo che ne La stanza del figlio però il “personaggio Moretti” sia meglio inserito, a differenza che nell’ultimo (e ancora peggio in Habemus Papam), e che questo scombini un po’ l’equilibrio di “mia madre”, e anche la sua presa emotiva.

  2. Juri S. says:

    “La stanza del figlio” mi piace moltissimo, ma è un giudizio più affettivo che analitico, in quanto è il primo Moretti che ho visto al cinema. All’epoca mi toccò profondamente e mi fece scoprire il regista.

  3. Pingback: Mia madre - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly