adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Esther (1985)

sabato 19 novembre, 2016 | di Erasmo De Meo
Esther (1985)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE TORINO FILM FESTIVAL STORY
Travestire il documentario
Esther, l’esordio da non-documentarista di Gitai è uno di quei rari e preziosissimi momenti in cui la forma dell’opera nasce col contenuto. Esther è protagonista di uno dei racconti più belli dell’Antico Testamento, le sue origini ebraiche sono sconosciute al Re di Siria che la prende in moglie, ma nel momento in cui il suo popolo viene minacciato di sterminio lei insorge, implorando per la sua salvezza.

Solo una vecchia storia? Solo un simbolo edificante di pietà e provvidenza? Gitai ha il senso della Storia, lo dimostrano i documentari girati per la tv israeliana, impreparata a opinioni tanto aperte; ha il senso della connessione, dell’analogia, sa prendere una casa e trasformarla in un confine (Bayt, 1980), mediacritica_ester_290sa catturare oggetti come nature morte e con essi raccontare la follia dello Yom Kippur (Ahare, 1974), sa prendere un racconto morale di circa duemila anni e fargli parlare di attualità. Così tra le rovine di Wadi Salib, città da cui furono espulsi sessantamila arabi cristiani dopo la guerra del ’48, lasciando una città fantasma, Amos Gitai porta i suoi personaggi: Esther, Mardocheo, il re Assuero, il primo ministro Aman e numerosi figuranti. Il set è lasciato così com’è, il Re ha il trono in un edificio diroccato e dorme in un letto all’aperto, tranne per pochi elementi decorativi le uniche figure vive sono quelle umane, vestite in modo circense, come attori improvvisati di un piccolo teatro, con stoffe appena spiegate e fissate con qualche spilla. Fasci colorati di luce illuminano le mura e le inquadrature rassomigliano più a miniature o a vetrate che a cinema fatto da un documentarista. Ma già nelle prime scene le inquadrature fisse inducono lo spettatore a cercare punti d’interesse, a guardare un personaggio o l’altro, inducono in qualche modo a cercare una chiave, un inganno, ed eccolo apparire alla terza inquadratura, perché il cinema, quando è grande, sa suscitare domande e sa rispondervi. Tre personaggi di spalle salgono le ampie scale che accedono alla città, l’erba è incolta e ascoltiamo rumori di una città moderna, clacson, motori, un’ambulanza, un muezzin che richiama alla preghiera. Ecco il genio, ecco il documentario travestito, ecco lo squarcio nella tela subito messo innanzi e di lì in poi guardiamo altro e oltre. In questo non-finito in questo girare volutamente senza le condizioni di un set c’è tutto il Gitai che verrà. Quando Aman verrà condannato a morte tra i clamori del popolo si fa avanti un gruppo di ragazzini in abiti moderni, presi, si immagina, per le strade poche ore prima della scena. La realtà si prende ormai tutto il quadro e reclama lo svelarsi dell’analogia: Aman, sterminando il popolo d’Israele, voleva ridurre i conflitti con l’autoritarismo, eliminare le differenze estirpandone la radice, mentre Esther è il dialogo, la diplomazia possibile e vincente. Ora gli attori sono sciolti dal loro ruolo e Gitai può seguirli mentre si svestono e raccontando le proprie storie tornano sulla strada trafficata, nella città reale.

Esther [id., Israele 1985] REGIA Amos Gitai.
CAST Simona Benyamini, Mohammed Bakri, Juliano Merr, Zare Vartanian.
SCENEGGIATURA Amos Gitai, Stephan Levine. FOTOGRAFIA Henri Alekan, Nurith Aviv. MUSICHE Claude Bertrand.
Drammatico, durata 97 minuti.

Esther (1985)
4.5 2 90%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly