adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Berberian Sound Studio

sabato 24 dicembre, 2016 | di Gabriele Baldaccini
Berberian Sound Studio
Inediti
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

La paranoia è negli occhi degli altri
Non ne esistono molti di film raffinati come Berberian Sound Studio. Più che altro non ne esistono molti che sappiano utilizzare il genere per sguazzarci dentro senza magicamente farsene bagnare troppo.

Perché a vivere la sonorizzazione e il doppiaggio della pellicola Vortice equestre di Giancarlo Santini come un’esperienza che lambisca l’orrorifico è solo lui, Gilderoy, il tecnico del suono più spaesato dell’intera storia del cinema. E con questo vogliamo dire che noi spettatori rimaniamo in qualche modo fuori da questa vicenda, come se il film centrifugasse l’impressione di oggettività e soggettività del protagonistamediacritica_berberian_sound_studio_290 (nel senso che a osservare e a essere osservato è sempre e solo Gilderoy) senza permetterci di rendercene conto. La maestria di Strickland è dunque tutta focalizzata nel gestire uno strano organismo visivo/sonoro che mette le mani nella pasta del thriller all’italiana dei Settanta (Suspiria incluso) da una parte e in quella di Blow Out dall’altra. Ma la raffinatezza, come anticipavamo in apertura, sta soprattutto nel riuscire a creare un amalgama nel quale la paranoia sia l’elemento preponderante, ma paradossalmente non appariscente. In tutti i più grandi horror “trasversali” del cinema anglofono (e vengono specificamente in mente capolavori come Last Wave di Weir o The Shout di Skolimowski) l’evolversi della presunta allucinazione ci interroga sempre sulla natura psicologica e relazionale dell’individuo. In questo modo l’orrore è avvertibile ma mai facilmente riconoscibile. Non è un concetto facile da spiegare, perché è un gioco che ha a che fare con la natura ingannevole delle immagini, con la prospettiva secondo la quale le si osserva e con i vuoti semiotici che spesso (se trattate con quel procedimento) esse riescono a creare tra loro e noi. Non funziona dunque tanto diversamente Berberian Sound Studio che allo stesso modo ci dà continuamente indizi senza la pretesa però di volerci far risolvere il caso. Il metafilmico allora si configura come uno spazio all’interno del quale creare un flusso continuo a cui è impossibile resistere: le voci e gli effetti sonori diventano qualcosa di perturbante, creano un film immaginario che ognuno può sognare e desiderare diversamente a seconda della propria predisposizione, e quando Gilderoy si trova egli stesso a essere doppiato da una voce che a quel punto non sappiamo più da dove provenga, il cortocircuito è avvenuto e il sogno oramai infranto. Il Berberian è uno studio di registrazione all’interno del quale le cose accadono, la realtà non è quella che pensiamo sia e le paure emergono all’improvviso come deformate. È un gioco a incastri con gli interstizi delle ansie di chi si scontra con una verità che sta negli occhi degli altri. È − come quasi sempre in questi casi − il cinema? La risposta forse è scontata, ma la lasciamo comunque dare a voi.

Berberian Sound Studio [id., Gran Bretagna 2012] REGIA Peter Strickland.
CAST Toby Jones, Cosimo Fusco, Fatma Mohamed, Antonio Mancino, Tonia Sotiropoulou.
SCENEGGIATURA Peter Strickland. FOTOGRAFIA Nic Knowland. MUSICHE Broadcast.

Horror/Thriller, durata 92 minuti.

Berberian Sound Studio
4.29 7 85.71%

2 Comments

  1. Match says:

    Non aveva assolutamente idea dell’esistenza di questo film! Ed è del 2012! Corro a recuperarlo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly